Skip to main content

Ex rifugiati aiutano i recenti disertori ad adattarsi nella Corea del Sud

a cura di

Dalla fine della seconda guerra mondiale, la penisola coreana è stata divisa. Divise nel 1945 - il Nord sotto l'occupazione sovietica e il Sud sotto quella statunitense - le nazioni, ancora in conflitto, hanno lottato per decenni per raggiungere una relazione pacifica.

Negli anni successivi alla divisione, più di 30.000 persone del Nord sono fuggite attraverso la Cina e sono venute in Corea del Sud per un nuovo inizio. Durante la pandemia di COVID-19, il numero di persone che disertano è diminuito drasticamente a causa della maggiore sicurezza alla frontiera. Prima dell'epidemia, il regime del leader nordcoreano Kim Jong Un aveva anche aumentato le pattuglie di confine e aggiunto una recinzione elettrificata, rendendo la fuga più difficile.

Quelli che riescono ad arrivare in Corea del Sud passano attraverso un processo di reinsediamento gestito dal governo, che dura tre mesi. Una volta rilasciati, un ufficiale di polizia viene assegnato a sorvegliarli. Il lavoro di costruire una nuova vita in una diversa cultura coreana spetta a loro.

La relazione tra nordcoreani e sudcoreani è complessa. Essendo parte di un'unica nazione da migliaia di anni, condividono la stessa lingua e osservano le stesse feste tradizionali. Tuttavia, il ricordo dello spionaggio dopo la guerra di Corea persiste. In Corea del Sud, quelli del Nord devono adattarsi ad un sistema capitalistico e ad una cultura sconosciuti, senza famiglia o amici, mentre sopportano sospetti e pregiudizi nei loro confronti.

Nel 2016, con il supporto del Rotary Club di Ulsan Daeduck, gli immigrati nordcoreani hanno fondato il Rotary Club di Ulsan Freedom - un nome appropriato per coloro che hanno rischiato la vita per la loro libertà.

  1. Il Rotary Club di Ulsan Freedom è attivo nel servire la sua comunità insieme ad altri club locali. Durante la pandemia, cinque club hanno assemblato kit di quarantena per 580 immigrati nordcoreani nell'area di Ulsan. I leader di questi club posano con i kit e fanno il gesto del cuore con le dita, reso popolare in Corea del Sud negli anni 2010.

  2. I soci del Rotary Club di Ulsan Freedom, Corea del Sud, lavorano su un progetto di distribuzione di kit COVID-19. Il club è stato fondato nel 2016 e aiuta i rifugiati ad ambientarsi nella società sudcoreana.

  3. I soci del Rotary club della Corea del Sud fanno il gesto del cuore con le dita mentre assemblano i kit di quarantena per le famiglie di immigrati nordcoreani. Il gesto è stato reso popolare in Corea del Sud negli anni 2010 e consiste nell'incrociare il pollice e l'indice per fare un cuore immaginario.

La maggior parte degli immigrati nordcoreani in Corea del Sud sono donne (72,1%), e più della metà sono tra i 20 e i 30 anni (57,2%). Molti sono sopravvissuti alla violenza dei mediatori di diserzione, alla paura per la loro vita, al traffico di esseri umani o ai matrimoni forzati per arrivare finalmente in Corea del Sud dopo anni di vita da fuggitivi. Dopo aver ottenuto lo status di disertori, ricevono un salario mensile di circa 500 dollari inferiore alla media sudcoreana, e il loro tasso di disoccupazione è il doppio della media sudcoreana (6,3%). (Statistiche del Ministero dell'Unificazione sudcoreano)

Ju Eun Seok, la fondatrice dell'Ulsan Freedom club, ha passato sei anni in Cina tra l'attraversamento del fiume Yalu nel 1997 e l'arrivo in Corea con suo figlio nel 2003. Subito dopo, ha frequentato l'università e si è specializzata in lavoro sociale con l'obiettivo di aiutare i disertori nordcoreani ad adattarsi alla società. Dal 2010 al 2013, ha servito come consulente per i disertori nella zona di Ulsan e ha sostenuto le prime fasi del loro insediamento. "Sono felice come se succedesse a me quando vedo dei nordcoreani che ricevono una formazione professionale, si adattano alla società e trovano un lavoro", dice. Attualmente lavora come istruttrice di educazione all'unificazione.

"La vita in Cina era sempre stata ansiosa e dura per la paura che potessi essere scoperta e costretta a tornare in Corea del Nord", dice Seok. "Io e mio marito cinese dovevamo spesso fuggire durante la notte per evitare i giri di vite dei funzionari cinesi. È stato difficile adattarsi, anche dopo l'arrivo in Corea. Non riuscivo a capire cosa diceva la gente - usavano termini del capitalismo poco familiari come 'mercato azionario' o 'investimento'. Le parole inglesi si erano integrate nella conversazione quotidiana".

Tuttavia, Seok racconta che molte persone sudcoreane hanno aiutato lei e altri disertori. I Rotary club hanno offerto borse di studio e hanno sostenuto il loro insediamento. Dopo aver trascorso alcuni anni partecipando ai Rotary club di Ulsan, l'allora governatore del Distretto 3721, Hae-Sang Choi, le ha suggerito che il Rotary potrebbe essere un punto di partenza per altri per costruire relazioni con la comunità.

Noi ci definiamo 'unificazione già in essere'


Club coreani all'opera

  1. Il Rotary Club di Seoul Shilla e altri club del Distretto 3650 organizzano regolarmente concerti di beneficenza per finanziare un nuovo edificio per la Yeomyung School per giovani immigrati nordcoreani.

  2. Il Rotary Club di Seoul Guro nel Distretto 3640 sostiene la Samjeong School, una scuola alternativa per giovani immigrati nordcoreani.

  3. Il Rotary Club di Yangsan nel Distretto 3721, insieme al Dipartimento di polizia di Yangsan, ha sponsorizzato nove matrimoni congiunti di coppie dal 2015 per immigrati nordcoreani con difficoltà economiche.

  4. Il Rotary Club di Ilsan-Jeongbal nel Distretto 3690 offre cure dentistiche gratuite per i giovani nordcoreani.

Oggi, il Rotary Club di Ulsan Freedom è attivo nel servire la sua comunità insieme ad altri club locali. Oltre a sostenere i nuovi immigrati e ad aiutarli ad ambientarsi, i soci lavorano con un orfanotrofio locale per aiutare il personale a curare i bambini. Durante le feste come Chuseok (Giorno del Ringraziamento), Seollnal (Capodanno) e Natale, il club invita gli immigrati nordcoreani e le famiglie locali a basso reddito a condividere cibi e regali, a indossare i costumi delle feste e a trascorrere del tempo insieme per alleviare il senso di alienazione e creare un senso di appartenenza. Ci definiamo "unificazione già in essere", dice Ju Eun Seok. "Crediamo che le nostre attività renderanno più facile per la gente del Sud accettare la gente del Nord senza pregiudizi, e la gente del Nord sentirà che può essere accettata, poiché ci vedono servire come membri orgogliosi della comunità".

Il club di Seok è uno dei tanti che lavorano per rendere la transizione degli immigrati un'esperienza positiva. I Rotary club della Corea del Sud hanno da tempo sostenuto i disertori dalla Corea del Nord in vari modi - costruendo scuole per i giovani, offrendo borse di studio e fornendo controlli sanitari gratuiti e cure dentistiche. Durante la pandemia, cinque club (Ulsan-Dongbu, Ulsan-Jeil, Ulsan-Namsan, Ulsan-Muryong, Ulsan Freedom) hanno consegnato kit di quarantena a 580 immigrati nordcoreani nella zona di Ulsan. Con l'aiuto di persone come Seok e dei loro Rotary club, le vite continuano ad essere trasformate per sempre.

Rotary aiuta i rifugiati

Approfondisci