Skip to main content

I Rotary club svizzeri aiutano i giovani rifugiati a iniziare una nuova vita

Skip to main content

Il programma abbina i rifugiati con la formazione per sistemarli e soddisfare il bisogno di lavoratori qualificati

a cura di

Eid è fuggito dall'Afghanistan devastato dalla guerra all'età di 14 anni, lasciando la sua famiglia e il suo piccolo negozio di riparazione di motociclette. Ha venduto il negozio e ha dato la maggior parte dei soldi ai suoi genitori e fratelli prima di partire per un viaggio di otto mesi e mezzo verso la Svizzera.

Come molti rifugiati, Eid - identificato qui solo con il suo nome di battesimo, per la sua sicurezza - ha intrapreso un percorso complicato e a volte straziante. È rimasto in Iran per due mesi, lavorando come muratore, ma ha scoperto che la sua situazione lì non era più sicura o migliore che in Afghanistan. In Turchia, ha trovato un passaggio per la Grecia su una nave da trasporto su gomma con circa 60 altri rifugiati. Ma a metà strada attraverso il mare, il motore si guastò - e il pilota della barca non sapeva come ripararlo.

"Grazie alle mie conoscenze di meccanico di moto, sono stato in grado di far ripartire il motore", racconta Eid, omettendo il dettaglio che molto probabilmente aveva salvato la vita di tutti i passeggeri.

Dopo brevi soggiorni in Grecia, nei Balcani e in Germania, ha raggiunto la Svizzera nel dicembre 2015 e ha trovato rifugio presso varie organizzazioni umanitarie. In una di queste è stato coinvolto con ROBIJ, un programma gestito dai Rotary club svizzeri che mette in contatto i giovani rifugiati con le opportunità di lavoro. Tre giornate di esplorazione della carriera e 70 domande di lavoro dopo, è al suo secondo anno come apprendista ingegnere di network.

  1. I partecipanti alla giornata di esplorazione della carriera apprendono competenze in un centro di giardinaggio a Dürnten, in Svizzera, organizzata dai soci di diversi club di Zurigo e dintorni nel gennaio 2020. Durante tre giornate di esplorazione della carriera, 190 rifugiati hanno incontrato i rappresentanti di aziende e organizzazioni commerciali e hanno appreso le opportunità di lavoro.

  2. I rifugiati imparano a cucinare durante un'altra giornata di esplorazione a Oberstammheim, Svizzera, nel febbraio 2020. Fino a 50 giovani visitano un'azienda e i suoi dipendenti e formatori spiegano cosa significa lavorare in quella professione.

  3. I rifugiati esplorano un'azienda per lavori di idraulica, riscaldamento, aria condizionata, tetti, rivestimenti e lamiera a Zurigo, Svizzera, durante una giornata di esplorazione della carriera a gennaio 2019. I Rotary club sperano di estendere il programma ad altre regioni del Paese.

Eid era uno degli oltre 80 milioni di persone in tutto il mondo che erano fuggiti dalla guerra o dalla persecuzione a metà del 2020, secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR. Di questi, circa il 40% aveva meno di 18 anni.

I Rotary club del cantone svizzero di Zurigo hanno fondato il ROBIJ, che sta per "Rotariani per l'integrazione professionale dei giovani". Il loro obiettivo era di preparare i giovani rifugiati per una serie di carriere, specialmente nei mestieri specializzati, di trovare loro stage e apprendistati, e di aiutarli ad integrarsi nel loro Paese d'adozione a lungo termine. Il progetto è svolto in collaborazione con 35 organizzazioni commerciali e 28 organizzazioni di rifugiati attive nel cantone.

Finora, sei rifugiati hanno trovato un apprendistato e altri 21 sono stati inseriti in stage di prova attraverso ROBIJ. Durante tre giornate di esplorazione della carriera, 190 rifugiati hanno potuto incontrare i rappresentanti delle organizzazioni commerciali e conoscere le opportunità di lavoro. È stato anche creato un video per insegnare ai rifugiati le abilità e le attitudini che le aziende apprezzano.

Durante le giornate di esplorazione di ROBIJ, fino a 50 giovani visitano un'azienda e i suoi impiegati e formatori spiegano cosa significa lavorare in quella professione.

"Il contatto personale con i formatori e i capi azienda è molto importante. Questo riduce i pregiudizi e le riserve reciproche e apre le porte per gli stage e gli apprendistati", spiega Marianne Hopsch, del Rotary Club Zürich City, presidente e cofondatrice di ROBIJ.

Mi ha aperto gli occhi su quella drammatica fuga hanno avuto alcuni di questi giovani


I Rotary club vedono il loro sforzo meno come una tradizionale fiera delle carriere e più come costruttori di ponti.

"Guardiamo quali sono i bisogni e le aspettative da tutte le parti, aiutiamo dove qualcosa non funziona ancora bene o dove esistono incomprensioni, e creiamo i contatti giusti", spiega Hopsch, che stima di investire circa il 70% del suo tempo di lavoro nel progetto. "Il lavoro principale consiste nel costruire una base di fiducia con le organizzazioni di rifugiati, che dopo tutto hanno una responsabilità speciale per i minori, e l'acquisizione costante di nuove aziende di formazione".

L'esborso finanziario è modesto, perché il governo paga l'alloggio, i pasti e la scuola dei rifugiati. Le aziende coprono in gran parte i costi della formazione professionale. Dall'inizio del progetto nell'aprile 2018, un totale di poco più di 3.500 franchi svizzeri (circa 3.900 dollari) è stato speso in eventi di networking con sponsor, organizzazioni di rifugiati e aziende, nonché in viaggi.

Il concetto ha immediatamente convinto Andreas Rüegg, socio del Rotary Club di Zurigo Turicum e proprietario di un'azienda che pianifica e supervisiona le utenze per le nuove costruzioni, a farsi coinvolgere.

  • 80.00milioni

    Rifugiati fuggiti dalla guerra o dalla persecuzione, a partire dalla metà del 2020

  • 190.00

    Rifugiati che hanno partecipato alle giornate di esplorazione della carriera

  • 35.00

    Aziende partecipanti

  • 28.00

    Organizzazioni di rifugiati partecipanti

"Abbiamo organizzato spontaneamente una giornata di esplorazione della carriera per quattro rifugiati, con un'introduzione al lavoro di pianificazione, un pranzo e un successivo tour del cantiere con un elettricista", racconta Rüegg.

Come risultato, uno dei quattro - Milad, 19 anni, anche lui dell'Afghanistan - ha ottenuto un apprendistato come elettricista presso una società della rete professionale di Rüegg.

"Per me personalmente, mi ha aperto gli occhi su quella drammatica fuga hanno avuto alcuni di questi giovani", spiega Rüegg.

Milad, che qui viene identificato solo con il suo nome di battesimo, dice che vuole andare al liceo, ma la sua conoscenza del tedesco non è ancora abbastanza forte. Nel frattempo, il suo apprendistato gli sta dando la possibilità di svolgere una professione.

"Si possono fare molte cose con una buona formazione da elettricista", dice. "[Spero] di poter raggiungere i miei obiettivi professionali, magari aprire un'attività e ottenere il passaporto svizzero".

Eid, ora ventenne, ha superato l’esame che lo qualifica a lavorare autonomamente nei cantieri. Grazie al salario di formazione che guadagna, non dipende più dal sostegno finanziario del governo. E ora vive in un appartamento condiviso piuttosto che in un alloggio per rifugiati.

"Mi piacerebbe rimanere in Svizzera", dice, "e ottenere ulteriori qualifiche in questo campo subito dopo aver finito la mia formazione".

Scopri di più su come il Rotary sta aiutando i rifugiati.