Skip to main content

Medici in pensione della Finlandia vaccinano migliaia di persone contro il COVID-19

Consigliere RI e Consulente nazionale PolioPlus sono responsabili di circa il 50% delle vaccinazioni della loro regione

a cura di

All'inizio di gennaio, quando in Finlandia è cominciata a circolare la notizia che i vaccini anti COVID-19 sarebbero stati presto approvati, le autorità sanitarie della nazione hanno avvertito un pubblico eccitato che ci sarebbe voluto del tempo per distribuire la fornitura di vaccini e formare abbastanza persone per somministrarli.

I medici in pensione Matti e Virpi Honkala hanno saputo della potenziale carenza di vaccinatori e hanno contattato il direttore sanitario della loro regione per offrire i loro servizi a Raahe e dintorni.

"C'era un gran fermento e tutti volevano partire subito", ha dichiarato Virpi, un dirigente del Rotary International e socio del Rotary Club di Raahe che in precedenza aveva lavorato come chirurgo e direttore sanitario. Suo marito, Matti, consigliere nazionale PolioPlus del Rotary per la Finlandia e socio del Rotary club di Pietari Brahe, era stato primario di medicina interna. Entrambi sono ancora autorizzati a praticare medicina.

"Sapevamo che se avessero avuto una carenza di vaccinatori, avrebbero dovuto togliere le persone dai loro altri compiti, e quindi quei servizi sarebbero stati messi in attesa", ha dichiarato Virpi. "Sapevamo di poter intervenire ovunque fosse necessario".

  • 5000.00

    Dosi di vaccino anti COVID-19 somministrate da Virpi e Matti Honkalas

  • 25.00%

    popolazione della regione Raahe che ha ricevuto l'ultima dose di vaccino a fine aprile

  • -70.00°C

    temperatura di conservazione raccomandata per il vaccino anti COVID-19 Pfizer 

Sia Virpi che Matti hanno esperienza nella gestione di campagne di vaccinazione. Durante l'epidemia di H1N1 (nota anche come influenza suina) del 2009, hanno supervisionato l'inoculazione di quasi 1.000 operatori sanitari prima della vaccinazione di massa della popolazione generale.

"Siamo in pensione da alcuni anni, ma sappiamo ancora come vaccinare la gente", dice Virpi.

Vaccinatori entusiasti

Alla fine di aprile, gli Honkala avevano vaccinato più di 5.000 persone a Raahe e in due comuni più piccoli nelle vicinanze - rappresentando circa la metà delle vaccinazioni nella loro regione, secondo la stima di Virpi.

In queste tre comunità, circa un quarto delle persone, comprese quasi tutte quelle di 75 anni e più, ha ricevuto una prima dose di vaccino. Le persone dai 60 anni in su hanno potuto prendere appuntamento a partire da maggio.

"Due vaccinatori entusiasti possono fare molto", dice Matti.

Le persone erano entusiaste e sollevate dal lancio del vaccino. "Sono felici", dice Virpi. "E sono molto grate".

Virpi voleva coinvolgere i loro Rotary club nello sforzo, e Matti voleva promuovere l'importanza dei vaccini.

"Ci siamo detti: questo potrebbe essere il nostro progetto Rotary, e il nostro progetto per la nostra comunità", ha dichiarato Virpi. "Sappiamo quanto i soci del Rotary siano desiderosi di promuovere le vaccinazioni, sia contro il COVID-19 che contro la polio".

I soci di entrambi i Rotary club si sono offerti volontari per fungere da assistenti e parcheggiare le auto presso i siti di vaccinazione. I soci del Rotary club hanno giocato un ruolo cruciale nel dirigere le persone dentro e fuori una scuola chiusa che è stata convertita in un centro di vaccinazione. Virpi ha detto che i membri dello staff erano entusiasti di avere l'aiuto, perché il layout della scuola era più complicato rispetto alla configurazione di altre sedi di vaccinazione.

Strategia di vaccinazione

Il ministero della salute finlandese stabilisce la strategia di vaccinazione del Paese. Il vaccino Pfizer, il primo disponibile in Finlandia, deve essere conservato a circa -70°C (-94°F), quindi è necessario mantenere una catena del freddo affinché le dosi rimangano efficaci.

Le dosi di vaccino sono confezionate in grandi contenitori pieni di ghiaccio secco e trasportate da una fabbrica farmaceutica a Helsinki, la capitale della Finlandia. Le dosi vengono poi distribuite alle regioni in base alla loro popolazione e ai loro bisogni. Il direttore sanitario di ogni regione e il personale infermieristico programmano gli appuntamenti di vaccinazione quando le dosi sono disponibili, e gli ospedali universitari distribuiscono i lotti di vaccino ai comuni. I vaccini per la regione di Raahe provengono da un ospedale universitario a circa 75 km di distanza.

All'inizio di gennaio, gli Honkala stavano vaccinando soprattutto gli operatori sanitari di prima linea. Poi, a febbraio, hanno assistito alle vaccinazioni nelle case di cura e nelle comunità di pensionati. Con l'aumentare delle scorte, gli Honkala hanno iniziato a fornire vaccinazioni più giorni alla settimana, anche all'ospedale di Raahe e in cliniche più piccole nelle due città vicine.

"All'inizio avevamo solo giorni più brevi", dice Virpi. "Le infermiere incaricate della programmazione hanno fissato un appuntamento ogni 10 minuti. Penso che pensassero che a causa della nostra età saremmo stati lenti. Non ho mai passato così tanto tempo a camminare per i corridoi! Poi, hanno capito che potevamo fare di più e hanno aumentato il ritmo a due ogni cinque minuti".

  1. Matti Honkala somministra una dose del vaccino Pfizer a sua moglie, Virpi, prima che possano cominciare il loro servizio da vaccinatori volontari.

  2. Matti e Virpi Honkala fanno una pausa dalle vaccinazioni all'ospedale di Raahe, Finlandia.

Virpi dice che lo sforzo di vaccinazione è stato un gradito sollievo dall'isolamento della pandemia.

"Stiamo vedendo e incontrando i nostri vicini, i nostri colleghi di lavoro e gli ex pazienti che vengono per le loro vaccinazioni", dice. "È davvero sorprendente. Come chirurgo, non ho mai visto molto le persone dopo le loro operazioni - solo se qualcosa andava male. Ora, sto vedendo persone che si ricordano che li ho operati anche 30 anni fa, condividendo quanto bene stiano facendo da allora".

Combattere la disinformazione

Matti dice che ha anche lavorato per combattere la disinformazione e l'esitazione sul vaccino, attingendo ad anni di esperienza con la campagna antipolio. Trova opportunità per parlare con le persone mentre sono in attesa, usando la sua conoscenza come specialista nella difesa della polio per parlare del potere e dell'efficacia dei vaccini.

In Europa, dice, ci sono sacche di sfiducia, e le voci possono diffondersi facilmente sulla base di un caso raro. Per esempio, dopo che il vaccino AstraZeneca è stato messo in pausa a causa di alcune segnalazioni di coaguli di sangue, ha scoperto che più persone si sono presentate esprimendo preoccupazione su quale vaccino stavano ricevendo.

Virpi dice che usa anche l'umorismo per placare le preoccupazioni della gente.

Uno degli uomini ieri mi ha chiesto: "Quale mi hai iniettato?" e io gli ho risposto in modo scherzoso: "Tutti. E sarò in grado di seguirti con i gadget che ho".

Avendo somministrato più di 5.000 vaccinazioni, Virpi ha suggerito a suo marito che potrebbero fermarsi dopo aver raggiunto le 10.000 e lasciare che altri facciano il resto.

"Ma", dice lei, "lui disse: 'Quando avremo fatto le prime 10.000, allora potremo iniziare la seconda'".

Approfondisci come i soci del Rotary stanno proteggendo le comunità dal COVID-19.

Consigliere RI e Consulente nazionale PolioPlus sono responsabili di circa il 50% delle vaccinazioni della loro regione