Skip to main content

Prendersi cura dei bambini

Skip to main content

Dopo un'infanzia difficile, Ramon Resa, pediatra, migliora la vita di una nuova generazione di bambini

di Foto di

A tre anni, quando la maggior parte dei bambini comincia ad imparare a contare o recitare l’alfabeto, Ramon Resa veniva valutato in base alla quantità di cotone che riusciva a raccogliere in California.

Per molti anni, dopo aver raccolto cotone, noci o arance, il dottor Resa non si sentiva all'altezza. Quella sensazione venne avvallata quando, nonostante avesse ottenuto il massimo dei voti a scuola, il discorso di commiato a scuola fu affidato a uno studente di razza bianca. Inoltre, uno dei consulenti scolastici voleva convincerlo a frequentare il laboratorio di falegnameria, piuttosto che il corso di algebra.

Ramon Resa si aggira tra le sale del Sierra Vista Medical Center a Porterville, California, USA, dove fa parte del personale.

Il dottor Resa ha perserverato nonostante gli ostacoli. Oggi, chi visita il suo ufficio vedrà una targa: Dr. Ramon Resa. Rotariano, il Dottor Resa fa il pediatra a Porterville, California, e trascorre le giornate in uno studio medico poco distande dalla casetta dove abitava con 14 famigliari.  

Da agricoltore a pediatra

Al lavoro, in uno studio con 4 stanze, il Dottor Resa visita oltre 50 pazienti al giorno e parla inglese o spagnolo in base alle esigenze.

"Per conquistarsi la fiducia dei bambini e delle loro mamme, il dottore usa sempre un tono scherzoso", ha raccontato la manager dell'ufficio, Shirley Rowell, che lavora con Resa dal 1985, dopo aver conseguito la sua laurea in medicina. I bambini lo galvanizzano, facendo emergere la sua natura gioviale, gentile e premurosa. 

Durante la sua infanzia, Resa andava dal medico raramente. Come quinto figlio di una ragazza madre, non aveva mai conosciuto il padre. Insieme a due suoi fratelli era andato a vivere con i nonni: è cresciuto in un’abitazione affollata insieme a "Ama" e "Apa," zii, zie e cugini, che dormivano sul pavimento, in una casa con un solo bagno. Fuori, nel cortile adiacente, c’erano capre, maiali e polli che tutti aiutavano ad accudire.

All’età di sette o otto anni, lui "non si sentiva più un bambino", così come aveva scritto nelle sue memorie del 2010, Out of the fields (Fuori dai campi). Veniva pagato 3 centesimi per ogni chilo di cotone raccolto. E ha dovuto dimostrare di esserne all’altezza raccogliendo più degli altri lavoratori più grandi. Ha vissuto tra persone alcolizzate, che litigavano continuamente, con fattori di stress che hanno contribuito ad alimentare il suo senso di isolamento, inadeguatezza e rancore. All'inizio delle scuole superiori, Resa era stato sopraffatto da una depressione debilitante che lo aveva derubato della gioia dei suoi successi scolastici e atletici. Si aspettava il peggio dal domani, ma grazie alla sua intelligenza e determinazione si era promesso di puntare al successo.

Secondo alcuni recenti studi risulta che le aspirazioni e la determinazione giocano un importante ruolo nella resilienza, come anche i buoni modelli da emulare. Alcune persone avevano notato che Resa era uno studente promettente e lo avevano incoraggiato: la sua maestra di quarta elementare, un’impiegata dell’ufficio scolastico e i suoi vicini di casa, Jim e Susan Drake. Jim Drake era uno dei principali assistenti di César Chávez, ma Resa ha saputo del suo ruolo nel movimento operaio molti anni dopo.

Ernest Moreno, un amico d'infanzia, anche lui da una famiglia di contadini, ha riflettuto spesso sul perché lui e Resa siano riusciti ad avere successo mentre altri sono rimasti intrappolati nel loro ambiente. "Dovevi pensare di essere speciale e di non appartenere lì", ha affermato Moreno, che gestisce oggi un’azienda che recluta personale specializzato in Illinois.

Ramon Resa si prende cura dei bambini col sorriso sul volto e con tono scherzoso.

La svolta: University of California, scuola di medicina e Rotary

La prima esperienza col Rotary è avvenuta quando, grazie ai buoni voti scolastici, era riuscito ad ottenere un viaggio sponsorizzato dal club per vedere una partita di baseball dei Los Angeles Dodgers, il suo primo viaggio in assoluto.

Da adolescente, aveva scoperto i vantaggi che avevano alcuni dei compagni di classe: lezioni private e tutoraggio, vacanze, e l’aspettativa di frequentare il college e intraprendere una carriera. Ma lui doveva lavorare perché alla sua famiglia servivano i soldi. 

View Slideshow

Resa davanti all'edificio dove c'era la Goshen School, vicino alla sua casa d'infanzia.

Anche se Resa era idoneo all'ammissione all'University of California, nessuno glielo aveva detto. Chi proveniva da una famiglia di contadini veniva indirizzato a corsi di formazione professionale. Ma le cose cambiarono quando alla scuola si presentarono alcuni reclutatori della University of California Santa Cruz.

All'inizio del suo anno di matricola presso l’UCSC, Resa aveva incontrato l’artista Debbie Binger, diventata in seguito sua moglie. Da sposati, i due sono andati a vivere nella California Central Valley, e Resa si era affiliato al Rotary Club di Porterville di cui divenne presidente nel 1990.

Tuttavia, ogni tanto veniva assalito da quei sentimenti d’infanzia, l'inadeguatezza con la nuova cerchia di persone di un altro ceto. "Mi sentivo come un semplice ragazzo di campagna che fingeva di essere un medico".

Ma non si sentiva neppure a proprio agio con la sua famiglia d’origine. Sua moglie Debbie racconta che "c’è stato un periodo in cui lui non si sentiva a suo agio in entrambi gli ambienti". Alla fine Debbie lo aveva convinto a vedere un medico per la sua depressione. Grazie alla terapia e alla sua fede religiosa, Resa è riuscito a superare le difficoltà mentali e a liberarsi dai risentimenti verso la sua famiglia e vita passata.

Rivelazione della sua infanzia

Alla fine del 1990, una gelata aveva devastato l'industria degli agrumi della Central Valley, causando danni per circa 1 miliardo di dollari. I Rotariani erano consapevoli del disastro per i proprietari delle aziende agricole del posto. Ma Resa anche capito anche cosa significava per i lavoratori – almeno 100.000 avevano perso il lavoro – e per le loro famiglie. E sapeva che il suo Rotary club avrebbe potuto aiutarli.

Ma prima, avrebbe dovuto raccontare la sua storia.

"È stato così che dal podio, ho raccontato la mia storia di bambino affamato, della speranza di una donazione per non andare a letto affamato", ha svelato. "Mi vergognavo del modo in cui ero cresciuto. Non l’avevo mai detto a nessuno nel Rotary fino a quel momento, ma volevo aiutare i lavoratori raccogliendo donazioni e cibo!"

I suoi colleghi Rotariani avevano risposto immediatamente al suo appello con generose donazioni. Ken Boyd, governatore all’epoca del Distretto 5230, che lo aveva ascoltato quel giorno, ha divulgato la notizia a tutti i 44 club del suo distretto.

Per ulteriori informazioni sul documentario sulla vita di Resa, visita il sito ramonrising.film.

Oggi, Resa racconta la sua storia in tutto il Paese; ad adolescenti e a soci del Rotary, agli insegnanti e agli attivisti dei lavoratori migranti, agli eventi RYLA e nelle scuole di medicina. Ha scritto un libro di memorie ed è stato anche prodotto un documentario sulla sua vita.

Ma lui continua a detestare i discorsi pubblici, anche perché balbetta, ma è comunque soddisfatto di parlare per ispirare altri a parlare della loro resilienza e vita passata tra varie difficoltà.

Boyd ha dichiarato che Resa riesce a "influenzare i bambini rendendoli consapevoli di poter fare quello che vogliono, e li convince a credere che, quando si vuole, si può riuscire a realizzare qualsiasi cosa".

Nina Clancy, past governatore, è tra coloro che incoraggiano Resa a continuare a raccontare la sua storia. "Non ho mai sentito nessun altro così coraggioso, con una storia così piena d’ispirazione", ha affermato. 

Accettare il passato e andare avanti  

I due figli di Resa sono adesso adulti: Marina è un’attrice a Los Angeles, e Joshua è un ricercatore in oncologia pediatrica. Resa, nel frattempo, non vede l’ora di diventare nonno e non lo nasconde, soprattutto quando incontra un bambino dei suoi colleghi alle riunioni del Rotary e si lamenta scherzosamente del successo di suoi colleghi – avere dei nipoti. Al lavoro, quando vede un neonato, chiede sempre: "Posso tenerlo?".

Resa a una riunione del Rotary Club di Porterville.

Ma per molti anni, Resa aveva mantenuto le distanze con i parenti. Molti famigliari sono rimasti sorpresi leggendo le sue memorie; alcuni ricordano le cose in modo diverso. Altri gli hanno detto che la sua storia li ha aiutati a conoscere meglio sia lui che la loro famiglia. Suo zio Esmael, che è cresciuto con lui nella stessa casa durante l’infanzia, ha dichiarato: "È stato come ricevere un ceffone, mi ha davvero scioccato. Pensavo di sapere tutto di lui".

Da bambino, Resa fu colpito dalla bellezza dell’ambiente in cui era cresciuto: "Una delle cose che mi piaceva quando raccoglievo le arance era la vista spettacolare degli aranceti". 

"Il mio più grande rammarico è di non essere ritornato in quei luoghi per ispirare la nuova generazione della mia famiglia", ha confessato. "Non ho distrutto i miei legami ma non li ho curati". Essendo fortemente protettivo dei suoi figli, li ha tenuti lontano dai parenti che vivevano in ambienti di droga o di gang.

Ma adesso vuole rifarsi, si ferma talvolta dalla sorella Rosa, dove mangiano insieme chorizo, patate e tortillas fatte in casa. "Non ho mai mangiato niente di meglio di una tortilla di mais fresco e chili caldo direttamente dalla pentola, soprattutto in una giornata fredda d’inverno", ha dichiarato.

In questi giorni, Resa può immergersi nei suoi migliori ricordi senza avere l‘amaro in bocca.

• Leggi altre storie in The Rotarian

  1. Resa in macchina nei pressi degli agrumeti di Goshen, dove ha lavorato da ragazzo.

  2. Resa ha sempre apprezzato la bellezza naturale degli agrumeti. 

  3. Resa è cresciuto lavorando negli agrumeti. 

  4. La casa dove Resa ha trascorso la maggior parte della sua gioventù.

  5. Resa a una riunione del Rotary Club di Porterville.