Skip to main content

Celebriamo il Rotaract: la forza nei numeri

A ottobre, i Rotaractiani del Distretto 1470 (Danimarca) si sono riuniti nel Valby Park di Copenhagen per una corsa di 5 km a sostegno del progetto Give Every Child a Future; durante la corsa, hanno anche raccolto la spazzatura.

L’appello è partito dalla Nuova Zelanda, e i Rotaractiani in posti tanto lontani come in Danimarca, Giamaica, Messico e Uganda hanno risposto. Per 30 giorni a ottobre e novembre, hanno partecipato a gare di staffetta, praticato yoga sulla spiaggia, ballato e fatto sfide di flessioni e squat, raccogliendo consapevolezza - e circa 7.000 dollari neozelandesi - per un progetto per vaccinare 100.000 bambini in nove Paesi e territori contro tre agenti patogeni mortali.

"Ispirati dalla nostra storia hanno detto: 'Vogliamo farci coinvolgere. Vogliamo aiutare a vedere queste malattie eliminate", racconta Becky Giblin, socia del Rotaract Club di Auckland City, Nuova Zelanda.

L'obiettivo di Give Every Child a Future (GECAF), un progetto organizzato dai Rotary club della Nuova Zelanda e Australia, è di vaccinare ogni bambino in nove Paesi e territori del Pacifico contro il rotavirus, batteri pneumococcici e papillomavirus umano (HPV). Le vaccinazioni contro rotavirus e batteri pneumococcici possono ridurre le malattie e i decessi per gastroenterite, polmonite, meningite e batteriemia. Per le ragazze adolescenti, la vaccinazione HPV può prevenire il cancro cervicale più tardi nella loro vita.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la diarrea e la polmonite sono le principali cause di morte nei bambini sotto i cinque anni. E nelle Isole Cook, Kiribati, Nauru, Niue, Samoa, Tokelau, Tonga, Tuvalu e Vanuatu, dove i tassi di cancro cervicale sono alti, "non sono disponibili le cure che abbiamo negli Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda", ha spiegato Jackie Hinchcliff, socia del Rotary Club di Auckland che sta guidando lo sforzo di vaccinazione.

Hinchcliff è rimasta impressionata dall'impegno dei Rotaractiani nel progetto, notando che l'idea di farsi coinvolgere è venuta da loro. "Penso che quello che hanno fatto sia assolutamente incredibile. E non sono stati avvicinati dalla nostra commissione o qualcosa del genere. Non è stato come se avessimo detto, 'Ehi, dovete fare questo'. Questo è stato un progetto di base che ha toccato i loro cuori. E loro hanno detto, 'Questo è quello che vogliamo fare'".

I numeri

  1. 512

    distretti Rotary (98%) hanno almeno un club Rotaract.

  2. 342

    distretti Rotary sono membri di un'organizzazione multidistrettuale d'informazione. 

  3. 66%

    dei distretti con almeno un club Rotaract sono membri di una MDIO.

  4. 87%

    di tutti i Rotaractiani sono membri di un distretto Rotary che fa parte di una MDIO.

  5. 78%

    delle MDIO forniscono formazione sulla leadership ai club Rotaract; l'83% fornisce formazione ai dirigenti distrettuali Rotaract.

  6. 74%

    delle MDIO organizzano progetti di servizio multidistrettuali. Le cause più popolari sono la tutela dell'ambiente, l'eliminazione della polio e il sostegno all'istruzione.

Il progetto di vaccinazione, che ha ottenuto ulteriori 4.000 dollari neozelandesi in sovvenzioni aziendali grazie agli sforzi dei Rotaractiani, commemora anche i 100 anni del Rotary in Australia e Nuova Zelanda, un anniversario che sarà celebrato nel 2021. I Rotaractiani hanno organizzato Move for GECAF, una campagna che incoraggia le attività fisiche per creare fermento sui social media per il progetto di vaccinazione.

Condividendo foto e video delle loro imprese fisiche sui social media, i Rotaractiani hanno amplificato il loro messaggio sul bisogno di vaccini e hanno esemplificato come stanno raggiungendo i club e i confini per connettersi tra loro e sostenere i progetti degli altri. Questi sforzi sono stati accelerati dalle chiusure a causa del COVID-19 che hanno spinto molti club ad incontrarsi e discutere i loro obiettivi tramite i social media e Zoom.

Come in Nuova Zelanda, anche i Rotaractiani di Paesi come Brasile, Germania, India e Turchia hanno mobilitato la rete Rotaract a sostegno di progetti. Un esempio è la Treety of Generations, un'iniziativa Rotaract per riforestare il mondo. La missione di rimboschimento è stata avviata a marzo 2020 dal Rotaract Club di Nürtingen, Germania, che sta collaborando con due club partner, il Rotaract Club di M.O.P. Vaishnav, India, e il Rotaract Club di Cumbayá, Ecuador.

"Motiviamo i club di tutto il mondo a piantare alberi in aree disboscate, e forniamo loro tutto ciò di cui hanno bisogno", spiega Dominik Huhndorf, Rotaractiano di Nürtingen. Finora, circa 2.000 alberi sono stati piantati in Paesi come Germania, Ecuador, India, Mauritius e Sierra Leone.

Un bisogno irresistibile e una soluzione efficace - come la creazione di un mondo più verde e sostenibile piantando alberi - aiuterà ad attirare l'interesse di altri club, dice Huhndorf, e i social media sono un buon modo per trovare partner. "I siti web dei club, e i social media come Instagram, sono buone piattaforme per determinare se gli interessi di un club si adattano a quelli del vostro progetto", ha dichiarato.

Secondo lui qualsiasi progetto ben pensato troverà il sostegno. "Tutto ciò che serve per una collaborazione è un buon concetto, razionale e solido, e una forte motivazione per realizzarlo", ha continuato a dire.

I Rotaractiani del Distretto 2420 in Turchia, nel frattempo, hanno contattato altri club per espandere un progetto in corso. Per più di cinque anni, hanno lavorato per aumentare la consapevolezza dell'importanza dell'autoesame e della diagnosi precoce per combattere il cancro al seno all'interno del loro distretto. Nel 2019, i Rotaractiani hanno deciso di espandere il progetto e ora stanno collaborando con 13 club Rotaract in Turchia, oltre a due club in Ghana e Brasile.

Nell'ottobre 2019, i Rotaractiani hanno condotto quattro seminari che hanno raggiunto 397 persone con informazioni sull'importanza dell'autoesame. Hanno anche fornito informazioni a 256 persone usando un modello del seno e opuscoli.

Espandere la portata del loro progetto ha avuto le sue sfide, dice Burak Kucuk, un socio del Rotaract Club di Istanbul-Sisli e il rappresentante del Distretto 2420 Rotaract per il 2019/2020. "C'è voluto del lavoro per trovare i nostri partner nel progetto e imparare a lavorare con loro. Abbiamo perso l'opportunità di collaborare con altre grandi istituzioni e ONG perché abbiamo raggiunto tardi. Abbiamo dovuto lavorare sodo per contattare le persone giuste e raggiungere i nostri obiettivi. Ci siamo impegnati molto per superare questa sfida".

Ma hanno imparato alcune lezioni importanti strada facendo. "Questo progetto ci ha dimostrato che siamo molto forti insieme", ha dichiarato Kucuk, che fa notare che le organizzazioni multidistrettuali d’informazione (MDIO) del Rotaract sono un buon modo per connettersi con i rappresentanti nazionali in altri Paesi.

Per la Mega Cloth Donation Drive, più di 500 filiali della Yes Bank sono servite come punti di consegna. I Rotaractiani hanno raccolto i vestiti dalle filiali.

In India, i Rotaractiani sono stati coinvolti nel 2020 in una raccolta chiamata Mega Cloth Donation Drive sponsorizzata dal loro MDIO regionale, il South East Asian Rotaract Information Center (SEARIC). Hanno collaborato con Yes Bank, un istituto bancario locale. "Diwali, una delle più grandi feste dell'India, era proprio dietro l'angolo e volevamo che tutti avessero vestiti puliti per quel giorno", spiega Srijita Neogy del Rotaract Club di Calcutta. "Mucchi di vestiti sono stati donati e raccolti nelle filiali della Yes Bank in tutto il Paese. Sono stati mappati i club Rotaract e le filiali bancarie più vicine. I Rotaractiani hanno poi raccolto i vestiti dalle filiali e li hanno donati nelle aree con le persone più bisognose".

I Rotaractiani si sono riuniti a lungo per l'affiatamento e per i progetti. Quando la pandemia ha colpito, molti si sono incontrati virtualmente attraverso World of Rotaract, un'iniziativa di social media che include uno spazio di incontro Zoom dove i soci di tutto il mondo hanno potuto frequentare, giocare, ospitare relatori, organizzare feste e condividere esperienze sul COVID-19 nei loro Paesi.

Lo spazio di incontro Zoom ha anche permesso ai Rotaractiani di condividere idee e promuovere i loro progetti. Il movimento per il GECAF in Nuova Zelanda ha ricevuto una spinta dalla portata mondiale della piattaforma. "World of Rotaract è stata una rete incredibile per noi per mettere il nostro messaggio là fuori", ha detto Giblin.

Philip Flindt, presidente del Rotaract Club di København Nord, Danimarca, è d'accordo. "World of Rotaract ha creato le basi per molte amicizie internazionali", ha dichiarato. "Anche se non ho mai incontrato Becky [Giblin] nella vita reale, ho parlato con lei per ore, parlando seriamente e scherzando, ed ora è una cara amica".

Così, quando Giblin ha chiesto aiuto con Move for GECAF, Flindt non ha esitato a radunare i soci del suo club per correre in un parco per sostenere il progetto del vaccino; il club ha raccolto circa 2.500 dollari neozelandesi. "L’appello di Becky è stata un'opportunità per noi di mostrare quanto i Rotaractiani possono realizzare in poco tempo", ha dichiarato, "e come Rotaractiani e Rotariani possono sostenersi a vicenda nei loro progetti".

Questo articolo è stato già pubblicato nel numero di marzo 2021 della rivista Rotary.

La Settimana Mondiale Rotaract è una celebrazione annuale del successo e dell'importanza del Rotaract nelle comunità di tutto il mondo.

Approfondisci