Skip to main content

Agenti del cambiamento in Africa

Skip to main content

L'arrivo dei primi borsisti della pace al nuovo centro della pace di Kampala, Uganda, annuncia l'inizio di una nuova era per il Rotary e il continente africano.

a cura di Fotografie di

L'ultima settimana di febbraio, a Kampala, Uganda, 15 borsisti della pace del Rotary si sono riuniti alla Makerere University per la sessione inaugurale del nuovo centro della pace del Rotary International. Tra di loro, il primo gruppetto del centro della pace rappresentava 11 Paesi e parlava, oltre all'inglese, una decina di lingue africane, tra cui Luganda, Swahili e Zulu. "Provenendo da diversi background, ma con un desiderio comune di pace in Africa, rappresentano l'unità nella diversità", ha detto Anne Nkutu, una socia del Rotary Club di Kampala Naalya e il coordinatore dell'area di accoglienza per il centro della pace della Makerere University.

Avendo un'età media di 40 anni all'ammissione al programma, i borsisti non sono degli edificatori di pace alle prime armi. Sono professionisti affermati con un minimo di cinque anni di esperienza nella pace e nello sviluppo. Sono arrivati alla Makerere University - sede di un programma consolidato in studi sulla pace e sui conflitti - già lavorando su un'iniziativa, o con un'idea, che promuove la pace o il cambiamento sociale all'interno del loro posto di lavoro o della comunità. "I borsisti sono più interessati al lato pratico della costruzione della pace", ha detto Helen Nambalirwa Nkabala, il direttore del centro per la pace. "Vogliono vedere come vengono fatte le cose, al contrario dei nostri studenti regolari, che sono più interessati agli aspetti teorici. Così i borsisti si presentano come, e in effetti sono, agenti di cambiamento".

Prima di arrivare a Makerere, i borsisti della pace hanno iniziato i loro studi con una sessione online di due settimane, la prima fase del nuovo programma di certificato annuale del Rotary in costruzione della pace, trasformazione dei conflitti e sviluppo. (Il centro per la pace presso la Chulalongkorn University di Bangkok, che in precedenza offriva una versione di tre mesi del programma di certificato, ha anche adottato questo nuovo modello). Dopo la sessione di 10 settimane a Kampala, torneranno a casa per iniziare ad attuare le loro iniziative di cambiamento sociale, controllando periodicamente con i loro istruttori e compagni di corso. Torneranno a Makerere all'inizio del 2022 per completare il programma.

All'inizio di quest'anno, mentre si preparavano a partire per Kampala, la rivista Rotary ha parlato con sei dei borsisti della pace via Zoom e WhatsApp. Le conversazioni sono state un corso intensivo di storia e politica africana. Sono state anche un'ispirazione, offrendo un assaggio delle possibilità che si prospettano per l'Africa una volta che questi borsisti della pace - e quelli che li seguiranno negli anni successivi - completeranno i loro studi a Makerere e si dirigeranno per tutto il continente per condividere ciò che hanno imparato.

La sessione di 10 settimane a Kampala "ha permesso ai borsisti della pace di fare rete e condividere esperienze dentro e fuori l'aula", racconta Helen Nambalirwa Nkabala, direttrice del centro della pace.

Patience Rusare

La prima volta che Patience Rusare ha incontrato il tribalismo nel suo nativo Zimbabwe, era in prima elementare. Come membri della tribù Shona che vive a Bulawayo - una città dominata dal popolo Ndebele - la sua famiglia non parlava la lingua locale come i loro vicini. "Quando ho risposto in classe a una domanda, gli altri allievi mi hanno derisa e chiamata con un dispregiativo", ricorda Rusare, ora trentaduenne. "Sono tornata a casa e ho chiesto ai miei genitori: C'è qualcosa che non va in noi? Si vedeva che le tensioni venivano da casa, e i bambini le portavano a scuola".

Come giornalista in Zimbabwe, Patience Rusare ha usato il suo reportage per aiutare a modellare la politica pubblica verso fini giusti ed equi.

Venticinque anni dopo, Rusare è redattrice e giornalista politico senior per The Patriot, un quotidiano di Harare. Nel 2013, dopo anni di articoli sull'economia, ha cambiato il suo obiettivo. Ha iniziato a occuparsi di conflitti, sia le crisi politiche in Lesotho e Mali nel 2014 e 2015, le ostili elezioni ugandesi nel 2016, o il colpo di Stato nel suo nativo Zimbabwe nel 2017, spesso risalendo alle questioni di fondo indietro di decenni per spiegare il clima attuale.

"La gente non prendeva decisioni informate", spiega Rusare. "E questa mancanza di informazioni può rendere le persone disperate e facili da manipolare". Scrivendo in modo imparziale, ha cominciato a vedere una correlazione diretta tra le informazioni nelle sue storie e la politica pubblica. In Lesotho, spiega Rusare, la mediazione di un'organizzazione intragovernativa con sede in Botswana chiamata Southern African Development Community ha portato ad una risoluzione che è stata influenzata da una storia che lei aveva scritto per The Patriot. "Mi sembra davvero di aver apportato un cambiamento positivo in quel posto", ha dichiarato. "Hanno una pace duratura in Lesotho".

Voglio che i miei figli crescano in un ambiente in cui tutte le persone si amano indipendentemente dai gruppi etnici a cui appartengono. Sapranno che siamo tutti diversi, ma siamo tutti uno


Nel 2019, sperando di imparare "l'essenza dei rapporti di pace", ha ottenuto un master in pace, leadership e risoluzione dei conflitti. "Ho preso l'impegno con me stessa di usare i media per creare un mondo più giusto e pacifico", spiega Rusare.

Mentre le elezioni speciali, riprogrammate dal 2020, si avvicinano in Zimbabwe, lo stesso conflitto tribale di cui Rusare è stata testimone da bambina imperversa. Attraverso la sua iniziativa di cambiamento sociale, Rusare vuole cambiare l'approccio del giornalismo in Zimbabwe. "Dobbiamo sbarazzarci dell'idea del "se sanguina, conduce" e lavorare come operatori di pace", afferma. "Una storia di pace positiva può convincere la gente a comprare un giornale se è una storia di interesse umano abbastanza buona". Il suo piano è di addestrare 20 giornalisti nell'arte del reportage sul conflitto - un gruppo di giornalisti Ndebele e Shona, che lavorano insieme - e incaricare ciascuno di loro di andare a fare da mentore ai giornalisti del loro stesso popolo finché l'approccio non si estenda a tutto il Paese e oltre.

"Non voglio che i miei figli abbiano la mia stessa esperienza", spiega Rusare a proposito dei suoi due bambini di 8 e 3 anni. "Voglio che crescano in un ambiente in cui tutte le persone si amano indipendentemente dai gruppi etnici a cui appartengono. Sapranno che siamo tutti diversi, ma siamo tutti uno".

Peter Pal

Non fa proprio parte della personalità di Peter Pal parlare di traumi. Quando parla di esperienze strazianti - fuggire da una guerra civile nel Sudan nel 1989, vedere morire i propri cari e gli amici, passare 11 anni in un campo profughi in Etiopia senza alcun obiettivo oltre la sopravvivenza - è con una franchezza sorprendente e concreta. "Impari a vivere attraverso di essa in modo da poter essere forte", spiega.

Così, quando Pal ti racconta del giorno in cui nel 2001 ha lasciato il campo ed è emigrato in Australia, potresti pensare che non si sarebbe mai guardato indietro. Ma ti sbaglieresti. "Voglio dare stabilità al Sud Sudan e migliorare la vita delle persone lì", dichiara Pal, 52 anni. "Se ho l'opportunità di aiutare, lo farò. Perché sono uno di loro".

Come educatore della comunità per la Commissione elettorale di Victoria (Australia), Pal è addestrato nella costruzione della pace e nella diplomazia. "Il processo elettorale è fondamentale per un buon governo, per scegliere la giusta leadership e per imparare ad esercitare la democrazia", spiega. "La gente ha il diritto di prendere la decisione finale su ciò che ritiene giusto". Quando ha saputo della borsa di studio della pace del Rotary, ha riconosciuto l'opportunità di usare le sue competenze a livello globale - e di riportarle nel suo Paese d'origine a quasi 8.000 miglia di distanza.

Vivendo adesso in Australia, Peter Pal prevede di tornare in Sud Sudan per una missione di costruzione della pace.

In un viaggio del 2017 in Sud Sudan, Pal è rimasto scioccato nel sapere che aree rurali precedentemente sane erano state urbanizzate senza le necessarie strutture sanitarie e opportunità educative. Le piccole città erano state completamente trascurate dal governo. Egli immagina di combattere questo abbandono promuovendo la pace - non semplicemente l'assenza di guerra e lotte tribali, ma una stabilità quotidiana in cui i servizi essenziali come l'assistenza sanitaria, il cibo e l'acqua sono disponibili. "Senza queste cose, gli individui combatteranno sempre tra di loro. Solo quando c'è questo tipo di pace si ha la possibilità di piantare i semi dell'educazione".

Come parte della sua iniziativa di cambiamento sociale, Pal ha in programma di impegnarsi con costruttori di pace professionisti per esplorare la risoluzione alternativa delle controversie. Di particolare attenzione è la necessità di ripristinare la dignità per le vittime più vulnerabili della continua crisi del Sud Sudan: madri e bambini. "L'ignoranza continua a disumanizzarli in Africa. Le donne continuano a dare alla luce bambini che non fioriscono veramente. E anche se non fanno parte della politica, sono loro a soffrire quando la gente muore in una guerra sconsiderata".

Nonostante tutto quello che ha vissuto, Pal rimane ottimista. E perché no? Vent'anni fa, è fuggito da una violenta guerra civile in Africa, e ora è tornato in una missione di costruzione della pace. "Se non siamo ottimisti, saremo tutti bloccati a concentrarci su ciò che abbiamo in mano, piuttosto che cercare alternative che possono essere applicate per il miglioramento di tutta la società", dichiara. "Non solo nel Sud Sudan, ma per l'Africa e il mondo".

Fuori dall'aula, i borsisti della pace hanno visitato le baraccopoli densamente popolate di Kampala (mostrate qui) e, più lontano, l'insediamento di rifugiati di Bidi Bidi vicino al confine dell'Uganda con il Sud Sudan.

Jew Moonde

Lo Zambia, un Paese democratico dell'Africa meridionale, non è noto per i suoi risultati in materia di diritti delle donne. Come spiega Jew Moonde, i valori patriarcali profondamente radicati nel Paese hanno tradizionalmente soggiogato le donne in una varietà di modi, alcuni dei quali violenti, altri sistematici. La discriminazione di genere è stata intessuta nel tessuto della società zambiana, chiarisce, e come risultato, quando arriva il momento delle elezioni, le voci delle donne non vengono ascoltate.

Jew Moonde prevede di tornare nel suo Zambia come, tra altre attività, un sostenitore dei diritti delle donne.

"Le donne non hanno ottenuto una giusta quota di partecipazione al processo elettorale", dichiara Moonde, 50 anni, responsabile della pace e dei conflitti della Commissione Elettorale dello Zambia. "E se le donne non sono impegnate nel processo politico, le loro rimostranze continueranno ad accumularsi. È ora che le donne prendano politicamente posizione".

Le recenti elezioni in Zambia sono state segnate dalla violenza e dall'intimidazione, il che spezza il cuore di Moonde. Per quasi metà della sua vita, il nativo di Lusaka è stato un consulente del Zambia Center for Inter-Party Dialogue (ZCID); lavorando con questa ONG con sede a Lusaka, si è dedicato a costruire un'infrastruttura per garantire elezioni libere ed eque, sia incontrando i politici per sensibilizzarli allo squilibrio di genere o formando le persone su come gestire il conflitto nel processo elettorale. Dopo due decenni, molte delle proposte di riforma legale della ZCID sono state approvate dal Parlamento.

Se vuoi che il cambiamento arrivi, dai alle persone la consapevolezza che hanno diritto a qualcosa


Ma coinvolgere le donne nel processo politico è solo una parte della missione di Moonde. Vuole coinvolgere anche le giovani generazioni. "La politica è prevalentemente per i vecchi in Zambia", spiega Moonde, che ha una laurea in psicologia e studi sulla pace e sui conflitti. "I giovani disoccupati sono gli attuatori della violenza, e sono anche le vittime". Per coinvolgerli, ZCID si concentra sui social media e sulle stazioni radio comunitarie orientate ai giovani; aiuta anche i giovani a sviluppare competenze che potrebbero un giorno aiutarli a trovare una carriera gratificante. "Se vuoi che il cambiamento arrivi, dai alle persone la consapevolezza che hanno diritto a qualcosa", afferma Moonde.

Se tutto va come previsto durante la sua borsa di studio per la pace, Moonde desidera acquisire le conoscenze per aiutare a trasformare la ZCID in un organo statutario: una struttura di pace permanente che fornisce una piattaforma ufficiale per il dialogo e la mediazione nella politica zambiana. "Comincio a sentire i politici parlare e i giovani parlare, esercitando il loro diritto di espressione", spiega Moonde. "Ci dimostra che quello che facciamo ha un impatto sulla gente. Nessuno aiuterà gli zambiani se non lo faranno loro stessi".

Paul Mushaho

Si contano più di 11.000 club Rotaract in tutto il mondo; uno di loro si trova in un insediamento di rifugiati in Africa. Fondato nel 2016 a Nakivale - un enorme campo rurale nel sud-ovest dell'Uganda, dove circa 150.000 persone vivono in più di 75 villaggi sparsi in un'area delle dimensioni di Kolkata - il club ha soci provenienti da mezza dozzina di Paesi africani. "Nakivale è come una mini Nazioni Unite", secondo Paul Mushaho, il co-fondatore del club. "Le persone sono fuggite dalle loro case a causa della guerra e hanno subito un trauma venendo qui".

Nel 2016, Mushaho, uno studente con laurea in sistemi informativi aziendali e ingegneria informatica, è fuggito dalla Repubblica Democratica del Congo dopo aver ricevuto minacce di morte da un gruppo di miliziani Mai-Mai. Quasi appena arrivato a Nakivale, Mushaho ha visto opportunità per migliorare la qualità della vita dei rifugiati. Due dei suoi primi progetti erano un servizio di trasferimento di denaro e un'attività di apicoltura che vendeva miele. Questo secondo progetto ha attirato l'attenzione dei Rotariani di Kampala.

Dopo aver fondato un intraprendente club Rotaract in un campo profughi in Uganda, Paul Mushaho ora pensa di usare le competenze acquisite a Makerere per realizzare cose ancora più grandi.

Presto, con l'assistenza dell'American Refugee Committee (noto oggi come Alight) e dei Rotary club dell'Uganda e del Minnesota, Mushaho ha lanciato il suo club Rotaract a Nakivale. I soci del club hanno insegnato l'agricoltura e le tecniche di muratura, piantato alberi, fondato un centro comunitario femminile e consegnato coperte e materassi alle persone che hanno accolto bambini orfani. "Io dico loro: Tutto quello che vi abbiamo dato è un segno di apprezzamento per tutto quello che fate nella comunità", spiega Mushaho.

Un carismatico 29enne, Mushaho ha una capacità quasi soprannaturale di trovare modi per aiutare. Quando ha visto che la popolazione anziana del campo si trovava emarginata, ha organizzato dei pranzi dove potevano condividere le loro esperienze come ex diplomatici, ingegneri, insegnanti e medici. Quando ha notato che i giovani rifugiati di diverse nazionalità non interagivano, ha aiutato a organizzare un torneo di calcio. Più recentemente, la squadra di Mushaho ha prodotto e consegnato 14.000 maschere e 8.000 saponette per rallentare la diffusione del COVID-19 a Nakivale. "Vedo persone che sono felici, semplicemente ricevendo ciò che devono ricevere", dichiara Mushaho. "Stiamo creando speranza in persone che hanno perso la speranza".

Nel 2018, Mushaho è stato invitato alla sede delle Nazioni Unite in Africa a Nairobi, dove è stato premiato come uno dei sei Rotary People of Action: Giovani Innovatori. "La nostra comunità di rifugiati ha capito che le nostre sfide locali avevano bisogno di soluzioni locali", ha detto nel suo discorso. "Non siamo mendicanti; siamo una generazione di cambiamento e di ispirazione".

A Makerere, Mushaho vede un riflesso del suo ambiente a Nakivale, dove era circondato da persone innovative e multiculturali, piene di idee e di energia, tutte alla ricerca di modi per rompere le barriere che inibiscono la promozione della pace. "La borsa di studio si allinea strettamente a ciò che sto facendo nel campo", spiega Mushaho. "Quando tornerò, saprò come affrontare diverse sfide in diverse comunità in base alle loro norme e credenze. I miei sogni e le mie speranze sono soddisfatti".

Catherine Baine-Omugisha

"Se le persone non sono calme, nessuno va da nessuna parte", afferma Catherine Baine-Omugisha. In questo caso, avvocato 45enne di Kampala si riferisce alla sua specialità legale - mitigazione dei conflitti e risoluzione appropriata delle controversie in questioni familiari - ma potrebbe anche parlare del suo percorso personale.

Con la sua professione di avvocato di Kampala specializzata nella risoluzione dei conflitti, Catherine Baine-Omugisha vuole concentrarsi sulla prevenzione della violenza domestica.

Con il suo contegno composto e il suo approccio pragmatico, Baine-Omugisha si è fatta strada nel mondo della legge in Uganda, dominato dagli uomini, servendo come magistrato, docente, consulente tecnico presso il Ministero della Giustizia e degli Affari Costituzionali e, attualmente, come praticante privato con la sua società di consulenza a Kampala.

In tutto questo, il suo approccio è stato lo stesso: mantenere la calma. Ascoltare, incoraggiare gli altri e cercare soluzioni. Essere aperti ad esplorare un nuovo modo di fare le cose. Testatelo. Se funziona, abbracciatelo. Nel 2000, mentre era in servizio come magistrato presso la Corte Magistrale di Masaka, nell'Uganda meridionale, Baine-Omugisha ha aderito a un programma pilota chiamato "Chain Linked Initiative"; per migliorare l'accesso alla giustizia penale, incoraggiava la collaborazione tra polizia, procuratori, prigioni, ufficiali di libertà vigilata, agenzie di welfare e la magistratura. Il programma ha funzionato così bene che è stato esteso a livello nazionale.

Forse non cambierò da sola la direzione dell'Uganda. Ma ogni mio intervento per cambiare la visione del cittadino comune verso i diritti umani è un buon contributo


Ora spera che la sua borsa di studio le permetta di applicare questo spirito di cooperazione su più vasta scala. "In Uganda, al momento, ci stiamo occupando di questioni relative al rispetto dello Stato di diritto, al rispetto dei diritti umani e alla corruzione", afferma Baine-Omugisha. La sua principale preoccupazione è la violenza domestica, un problema continuo che deriva da una combinazione di fattori: pregiudizi culturali e di genere, difficoltà economiche e una mancanza di consapevolezza su ciò che effettivamente costituisce violenza domestica. Educando i leader della comunità sui fattori scatenanti e sugli effetti della violenza domestica, così come sulla sua struttura legale e politica, spera di spostare l'attenzione sulla prevenzione, piuttosto che affrontarla dopo il fatto.

C'è una filosofia dell'Africa meridionale chiamata ubuntu che dice: "Io sono perché tu sei". È un promemoria che nessuno può esistere da solo. Baine-Omugisha dichiara che la borsa di studio l'ha aiutata a riscoprire il valore di questo concetto come approccio di pace locale, e ha intenzione di metterlo in pratica. "Forse non cambierò da sola la direzione dell'Uganda", racconta. "Ma ogni mio intervento per cambiare la visione del cittadino comune verso i diritti umani è un buon contributo. Se abbiamo un certo numero di persone che lo fanno, possiamo portare un cambiamento significativo".

Fikiri Nzoyisenga

Durante la sua vita di adolescente, quando Fikiri Nzoyisenga lavava i piatti, i suoi amici non riuscivano a smettere di ridere: "Perché fai i piatti? Quello spetta alla donna. Lui alzava le spalle. A casa sua, le faccende erano per ragazze e ragazzi, così come suo padre e la sua matrigna condividevano la cucina e altri compiti domestici. "Questo non era normale", spiega Nzoyisenga. "Le cose erano molto diverse nella mia famiglia rispetto alle altre". Era diverso anche in un altro modo: essendo suo padre membro del gruppo di maggioranza Hutu e la sua matrigna Tutsi, il loro matrimonio era proibito. "L'hanno fatto comunque", racconta il figlio, "per dimostrare che non c'erano problemi".

Nel Paese del Burundi, dove vige un rigido patriarcato, l'esempio di sfida della sua famiglia ha fatto una grande impressione. "Il modo in cui sono stato cresciuto da mio padre e dalla mia matrigna ha plasmato quello che sono diventato", spiega Nzoyisenga, 36 anni, fondatore e direttore esecutivo di Semerera, una coalizione giovanile di Bujumbura contro la violenza di genere che lavora in tre province del Burundi. "Le donne della mia comunità affrontavano molte sfide legate alla nostra cultura burundese che considerava le donne inferiori agli uomini", ha continuato a dire. "Così ho voluto essere un sostenitore dei diritti delle donne".

Abbracciando le lezioni di tolleranza imparate da suo padre, Fikiri Nzoyisenga spera di cambiare la cultura patriarcale del Burundi.

Nzoyisenga è sopravvissuto a un'infanzia instabile che ha incluso le guerre civili in Burundi e nella Repubblica Democratica del Congo (dove ha vissuto per cinque anni), ha continuato a studiare legge e ha iniziato a fare volontariato per le organizzazioni di emancipazione femminile. Era solo una questione di tempo prima che diventasse un organizzatore di comunità. Attraverso Spark MicroGrants, ha guidato programmi che hanno dato potere a quasi 3.000 famiglie di più di due dozzine di villaggi in tutto il Burundi. Con Semerera, un team di 14 persone ha assistito più di 8.200 donne e ragazze attraverso iniziative socioeconomiche, rafforzamento della leadership e supporto legale gratuito alle vittime di abusi e discriminazione.

Nzoyisenga non trascura un altro elemento cruciale per il cambiamento: educare gli uomini sulle disuguaglianze di genere. "Non possiamo parlare di pace senza dare a tutte le persone l'opportunità di vivere con dignità e contribuire allo sviluppo delle loro comunità", dichiara. "Noi siamo parte del problema, quindi dobbiamo essere parte della soluzione".

Dopo aver completato la sua borsa di studio del Rotary, Nzoyisenga prevede di espandere il suo lavoro in altre due province del Burundi, dove farà da mentore ad altri giovani attraverso campagne sulla convivenza pacifica, la coesione e i diritti umani. "Mio padre mi ha insegnato la tolleranza e l'accettazione, e a rispettare gli altri a prescindere dalle loro differenze", afferma. "Col tempo, speriamo che più uomini e donne in Burundi arrivino a capire che le cose devono cambiare".


"Abbiamo lavorato sul campo per apprezzare la situazione sul posto", racconta Jew Moonde (a destra), camminando con i borsisti della pace attraverso uno slum di Kampala.

Al termine della loro sessione di 10 settimane presso la Makerere University, i borsisti della pace hanno fornito un aggiornamento sul loro tempo presso il nuovo centro della pace del Rotary. O almeno ci hanno provato. "Non riesco a spiegare a parole che esperienza incredibile è stata per me", ha detto Rusare. "La borsa di studio mi ha reso più determinato a perseguire la mia iniziativa di cambiamento sociale sul giornalismo sulla pace. Il progetto sta finalmente prendendo forma".

Ha elogiato i suoi insegnanti, che hanno condiviso "esperienze pratiche che hanno reso facile afferrare molti approcci teorici" alla costruzione della pace e alla risoluzione dei conflitti. Moonde ha fornito una descrizione dettagliata di questi approcci; essi includevano l'insegnamento di metodi analitici tratti dal mondo degli affari; sessioni condotte da rappresentanti dell'Institute for Economics and Peace (un partner del Rotary); e un'introduzione alle tradizioni indigene, come la cerimonia Mato Oput - che comporta il consumo di un'erba amara - praticata dal popolo Acholi dell'Uganda settentrionale.

I borsisti della pace condividono un pasto - e idee. "Sono un sistema di supporto l'uno per l'altro", spiega Nambalirwa Nkabala.

Anche se le restrizioni della pandemia hanno portato alla cancellazione di un viaggio programmato in Ruanda, i borsisti della pace hanno avuto molte opportunità di lavoro sul campo, compresa la visita all'insediamento di rifugiati di Bidi Bidi vicino al confine dell'Uganda con il Sud Sudan e l'incontro con i sopravvissuti delle disastrose frane nel distretto di Bududa del paese. "Queste escursioni ci hanno permesso di avere impegni di prima mano sulla costruzione della pace e la trasformazione dei conflitti nelle comunità colpite dalla migrazione e dai disastri ambientali, così come dalla violenza di genere", ha detto Baine-Omugisha.

Conosciamo gli altri borsisti della pace di Makerere

Olusina Ajao
Nigeria; sicurezza e gestione delle crisi

Eleanor Curl
Regno Unito; sostegno psico-sociale e trattamento dei traumi

Sunny Dada
Nigeria; trasformazione dei conflitti e prevenzione della violenza

Ronald Kasule
Uganda; difesa dei diritti dei disabili e dell'inclusione

Pinkie Mothibedi
Botswana; rafforzamento delle capacità della comunità e giustizia sociale

Stephen Sempande
Uganda; protezione dei giovani e sviluppo dei servizi sociali

Thomas Sithole
Zimbabwe; formazione sui media e sull'informazione

Nobantu Taylor
Liberia; impegno della società civile e sviluppo delle competenze

Amina Warsame
Somalia; uguaglianza di genere e politica dei diritti umani

I borsisti hanno anche interagito con i Rotariani locali, che hanno collaborato con la commissione dell'area ospitante del centro della pace per servire da consiglieri ai nuovi arrivati. "Hanno mostrato loro Kampala e hanno invitato i borsisti nelle loro case e nei loro club", ha detto Nkutu. "Nonostante vivano in un Paese con una storia di conflitti, i Rotariani non hanno capito come possono essere coinvolti". Il centro per la pace ha generato interesse nel conoscere i diversi modi in cui i Rotariani possono promuovere la pace e la prevenzione dei conflitti".

"Il gruppetto di borsisti inaugurale è molto caloroso", ha aggiunto Nambalirwa Nkabala. "Si sono subito ambientati comodamente tra di loro. Hanno sfruttato le loro differenze di personalità e culture per il bene, essendo un sistema di sostegno reciproco". Questo cameratismo - un vero e proprio sodalizio - tra i borsisti della pace li sosterrà fino al 2021, quando lavoreranno alle loro iniziative nei loro paesi d'origine. Servirà anche come modello per la prossima coorte di borsisti della pace a Makerere.

"Avere un centro per la pace all'Università di Makerere significa molto per l'Africa", ha detto Mushaho a The Wave, la newsletter mensile pubblicata dal Distretto 9211 (Tanzania e Uganda). "È una grande opportunità per gli africani di imparare e capire che la pace è il fondamento di ogni sviluppo".

I borsisti della pace torneranno a Makerere all'inizio del 2022. Torneremo con loro allora per vedere cosa hanno realizzato e cosa li aspetta per il Rotary e per l'Africa.

La domanda per le borse di studio 2023/2024 presso tutti i Centri della pace del Rotary sarà disponibile a febbraio 2022. I candidati avranno tempo fino al 15 maggio 2022 per presentare la domanda compilata alla Fondazione Rotary. I distretti devono presentare le adesioni alla Fondazione Rotary entro il 1º luglio.

MAGGIORI INFORMAZIONI