Skip to main content

Borsista del Rotary combina affari e ambiente

Anja Nikolova è la figlia di un ufficiale del dipartimento degli Esteri della Macedonia, cresciuta a Londra, New York e Venezia. La sua infanzia in giro per il mondo non le ha dato solo un dono per le lingue (ne parla cinque), ma anche una passione per le questioni ambientali internazionali. Con l'aiuto dei sovvenzioni globali finanziate da distretti Rotary in Texas, Oklahoma e Connecticut, Nikolova sta studiando per ottenere un diploma di master in gestione ambientale presso la Yale School of Forestry and Environmental Studies e il Yale Center for Business and the Environment. Inoltre, la Nikolova ha fatto uno stage presso la Carbon Pricing Leadership Coalition – un'iniziativa per accelerare l'azione sul cambiamento ambientale, e ha partecipato alla Conferenza sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite nel 2015 a Parigi, come membro della delegazione della Macedonia.

Anja Nikolova è una borsista del Rotary International.

D: Come hai cominciato a interessarti alle questioni ambientali?

R: Quando la mia famiglia viveva a Venezia, perché c'erano sempre alluvioni, e tutte le attività chiudevano dopo l'alluvione. Uscendo di casa si finiva in un lago. Ricordo che mi chiedevo: "Se questo succede in una città ricca, non posso neanche immaginare cosa succede in altri posti del mondo dove non sono così fortunati”.

D: Cosa ti ha portato a studiare a Yale, e cosa speri di realizzare qui?

R: Ho fatto uno stage con Earthmind, un'organizzazione che ha la sede centrale, e viene finanziata, dalla International Union for Conservation of Nature, una ONG ambientale in Svizzera. Proprio lì ho cominciato a interessarmi maggiormente sulle questioni ambientali globali. Dato che l'ambiente è collegato intricatamente con tanti altri campi, ho pensato di aver bisogno di una laura di maggiore portata e per questa ragione ho fatto domanda d'iscrizione a Yale.

Sono interessata a collegare l'ambiente e l'economia su scala maggiore per comprendere la fattibilità di certi progetti ambientali. In fondo, se ciò che stai perseguendo non ha senso a livello commerciale, è probabile che non funzioni. Questo dev'essere accettato e considerato come un'opportunità piuttosto che un pericolo. 

D: Parlaci del tuo lavoro in Ghana.

R: Quando ho lavorato all'IUCN, ho lavorato a un progetto comunitario agricolo e forestale, al Mole National Park in Ghana. La visione era di promuovere il senso di appartenenza degli abitanti dei villaggi alla periferia del parco, insegnando loro a coltivare i prodotti che sono nel parco e a venderli. Gli abitanti non hanno il supporto tecnico per vendere a un prezzo che genera profitti. Ho collegato questo progetto con alcuni Rotariani, e insieme siamo riusciti a raccogliere oltre 100.000 USD per il progetto. I Rotariani del Ghana sono anche coinvolti. 

D: Adesso che sei negli Stati Uniti, hai l'opportunità di parlare altre lingue oltre all'inglese?

R: Parlo tre o quattro lingue giornalmente. Con i miei genitori, marlo macedone, con mia sorella parlo italiano, con gli amici, dipende! Non sono mica un genio; sono stata semplicemente fortunata, avendo abitato in Paesi diversi, dove ho appreso lingue straniere per forza di cose.

Questo mi ha motivato a co-fondare qualcosa a Yale: il programma Tandem Language Café. Noi abbiniamo persone che parlano due lingue che desiderano imparare la lingua di un altro studente. Le coppie si incontrano una volta alla settimana per otto settimane e il programma è gratuito. Quest'anno abbiamo ricevuto oltre 400 domande d'iscrizione. Se avessi il tempo questo semestre, mi piacerebbe partecipare, ma ho troppo da fare. Altrimenti, mi sarebbe piaciuto imparare il mandarino. 

– Anne Ford

 

In fondo, se ciò che stai perseguendo non ha senso a livello commerciale, è probabile che non funzioni. Questo dev'essere accettato e considerato come un'opportunità piuttosto che un pericolo


Borsista Rotary

• Leggi ulteriori articoli dalla rivista The Rotarian

Fai una donazione alla Fondazione Rotary per finanziare i borsisti

Dona