Skip to main content

Nonostante la pandemia, l'importante lotta contro la polio deve continuare

Il Rotary e i suoi partner hanno mobilitato le infrastrutture di lotta contro le malattie per rispondere a COVID-19 - pur rimanendo dediti all'eradicazione della polio

a cura di

La pandemia di COVID-19 ha creato sfide sanitarie che vanno oltre la malattia stessa. Nel maggio 2020, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che, in tutto il mondo, 80 milioni di bambini di età inferiore ad un anno non hanno ricevuto le vaccinazioni di routine per una serie di malattie. Di fronte alla pandemia è stato necessario sospendere le vaccinazioni - che comportano uno stretto contatto tra i vaccinatori, i neonati e le loro famiglie. Ma come avverte il direttore esecutivo dell'UNICEF, Henrietta Fore, "non possiamo scambiare un focolaio mortale con un altro".

Per maggiori dettagli sull'opera di eradicazione della polio del Rotary, e fare una donazione, visita il sito endpolio.org/it.

Tra queste sfide, i contributi del Rotary per l'eradicazione della polio sono più importanti che mai. A gennaio 2020, la Fondazione Bill & Melinda Gates e il Rotary hanno rinnovato la loro partnership di lunga data, impegnandosi a raccogliere altri 450 milioni di dollari per l'eradicazione della polio nei prossimi tre anni. Il Rotary si impegna a raccogliere 50 milioni di dollari ogni anno, con ogni dollaro da abbinare ad altri due dollari della Fondazione Gates. "Anche se la risposta alla pandemia COVID-19 è una priorità urgente per la salute globale, non possiamo permettere che i nostri progressi contro la polio si interrompano", ha dichiarato Michael K. McGovern, presidente della Commissione Internazionale PolioPlus del Rotary e membro del Consiglio di sorveglianza della polio della Global Polio Eradication Initiative (GPEI). “Il nostro recente successo nella regionea africana dimostra che un mondo libero dalla polio è realizzabile, ma occorre dare priorità ad un rinnovato impegno e sostegno agli sforzi in corso nei due Paesi endemici rimanenti per mantenere la nostra promessa di un mondo senza polio".

A marzo, il GPEI ha contribuito a organizzare una risposta mondiale alla pandemia COVID-19, sfruttando le infrastrutture create per la vaccinazione e la sorveglianza della polio. Nel frattempo, ha dedicato fondi e altre risorse alla ripresa degli sforzi per la vaccinazione antipolio non appena è stato possibile farlo in sicurezza, e all'adeguamento dell'infrastruttura di vaccinazione e sorveglianza in base alle necessità.

L'esperienza della polio alla base della risposta alla pandemia

Con l'insorgenza del COVID-19, il GPEI ha portato alla risposta decenni di esperienza. Mentre le funzioni critiche dell'impegno per l'eradicazione della polio continuavano, gli operatori della polio venivano coinvolti nella ricerca di contatti, nei test e nell'educazione delle comunità sul lavaggio delle mani e su altri modi per ridurre la trasmissione e l'esposizione a COVID-19. In molti casi, hanno svolto contemporaneamente sia le attività di eradicazione della polio che quelle di risposta al COVID-19.

L'infrastruttura per l'eradicazione della polio si è rivelata preziosa nella pandemia: Le hotline GPEI, i centri operativi di emergenza, i computer e i veicoli sono stati tutti arruolati per sostenere la risposta COVID-19. In Nigeria, gli uffici sul campo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, utilizzati per coordinare gli sforzi per l'eradicazione della polio, sono raddoppiati come hub per le squadre dell'OMS che si sono concentrate su COVID-19. In Pakistan, centinaia di agenti di sorveglianza della polio sono stati addestrati nella sorveglianza COVID-19. In Afghanistan, i volontari che educano le comunità sulla polio sono stati addestrati per insegnare alla gente il COVID-19, compreso il lavaggio delle mani e altre misure preventive.

Le sovvenzioni PolioPlus continuano a finanziare l'opera cruciale

Le attività di vaccinazione contro la poliomielite sono riprese a luglio, con le precauzioni prese per proteggere i lavoratori in prima linea e le comunità. Con i finanziamenti dei soci del Rotary, a giugno il Rotary ha emesso oltre 50 milioni di dollari di sovvenzioni PolioPlus per sostenere l'opera di eradicazione della polio in Afghanistan e Pakistan (gli ultimi due Paesi in cui la polio selvaggia rimane endemica) e in tutta l'Africa. In Afghanistan, le comunicazioni e l'opera di sensibilizzazione della comunità (chiamata "mobilitazione sociale") è cruciale; questo ha incluso la distribuzione di 3 milioni di barre di sapone per promuovere l'igiene, la protezione contro la polio e COVID-19, e migliorare la ricezione locale degli sforzi di vaccinazione. In Pakistan, l'impegno di mobilitazione sociale ha un'attenzione particolare per la sensibilizzazione dei leader religiosi locali, che possono promuovere le vaccinazioni negli annunci e nelle prediche delle moschee.

A giugno, l'OMS si è impegnata a finanziare una Giornata di vaccinazione subnazionale nella Repubblica Democratica del Congo nel primo trimestre del 2021. Una sovvenzione di 3 milioni di dollari del Rotary aiuterà a finanziare le vaccinazioni per un numero previsto di 8,4 milioni di bambini in quel Paese.

L'Ufficio regionale dell'OMS per l'Africa continua la sorveglianza della polio in 47 Paesi del continente. Una sovvenzione PolioPlus di 4 milioni di dollari finanzierà attività di laboratorio e di sorveglianza, come la raccolta e il trasporto di campioni di feci e la conduzione di corsi di formazione. Sosterrà anche i cambiamenti procedurali resi necessari dal COVID-19.

Quando il Rotary ha celebrato World Polio Day, il 24 ottobre 2020, i soci sapevano che anche di fronte ad una pandemia, l'importante opera di lotta alla polio deve continuare. Ora più che mai, il sostegno di tutti i soci del Rotary è necessario per aiutare a vincere la lotta per un mondo senza polio.

A giugno il Rotary ha approvato sovvenzioni per:

  • 19306.00

    veicoli noleggiati per operatori in prima linea in Afghanistan

  • 90.00 milioni

    di dosi di vaccino antipolio orale monovalente

  • 12139.00

    vaccinatori addestrati in Sudan

  • 2530.00

    operatori sanitari assunti in Pakistan

• Questa storia è stata già pubblicata nella rivista Rotary di ottobre 2020.


Contenuto correlato

Aggiornamento globale online per World Polio Day 2020

Il mondo si è fermato. Loro no.

Il plus in PolioPlus