Skip to main content

Scala ogni montagna

Una Rotaractiana viaggia nella sua Uganda con una squadra di vaccinatori polio per l'ultimo film di realtà virtuale del Rotary, Due gocce speciali

A cura di Testimonianza raccolta da Diana Schoberg

Gli operatori sanitari sono molto appassionati; devono affrontare molte sfide per raggiungere ogni bambino con il vaccino per la polio. 

Ho scoperto che questo andando in una comunità al confine tra Uganda e Kenya, a 200 miglia dalla mia casa a Kampala, insieme a una squadra di vaccinatori. Solo raggiungere le loro abitazioni è stata una sfida, per non parlare di convincere i genitori a farci entrare. Dovevamo parcheggiare le auto, trasportare i dispositivi di raffreddamento del vaccino per la polio con pacchetti di ghiaccio, e camminare, solo camminare e camminare. Ci vuole un po' di attenzione - usare le mani per bilanciarsi mentre si sale sempre più in alto, trasportando sempre questo pesante dispositivo per il trasporto dei vaccini. C'erano tanti fiumi e ruscelli, e li dovevamo attraversare!

A volte camminavamo per 30 minuti prima di vedere una casa, perchè non erano adiacenti. Ci sentivamo soli e spaventati, camminando tra alberi e sassi. La sfida era arrivare il più lontano possibile, tenendo anche presente quanto sarebbe stato lungo il viaggio di ritorno. Se camminavamo tre ore per arrivare a una casa, avevamo bisogno di avere altre tre ore per tornare prima del buio. Questo, e il fatto che c'era la possibilità di non trovare un bambino a casa, per cui dovevamo tornare un altro giorno.

Me dovevamo continuare per poter salvare una vita.

Sono in Rotaract da un paio d'anni, e ma non avevo mai fatto qualcosa del genere. Mia madre, Margaret Okello, è una socia del Rotary Club Kampala Naguru. Secondo lei, avevo energia da usare per qualcosa di produttivo. È stata lei a suggerire di affiliarmi al Rotaract, e l'ho fatto nel 2016, quando avevo 21 anni. Il mio club è coinvolto in un progetto adopt-a-village a Gulu, nell'Uganda del nord, un'area dove ci sono stati 20 anni di conflitto armato. Sono stata in quel villaggio due volte e il nostro club raccoglie fondi per l'eradicazione della polio. 

Ero informata sulla polio, avevo visto le vittime della malattia. Sono stata immunizzata contro la polio ma, strano a dirsi, è qualcosa di cui senti parlare, ma non capisci veramente quanto sia pericoloso. Ho saputo che c'era l'opportunità di fare qualcosa di più per aiutare con l'eradicazione grazie a uno dei miei amici, Fred Masadde. Lui è un socio del Rotary Club di Kampala Ssese Islands ed è un Coordinatore Immagine Pubblica del Rotary. Ho deciso di fare domanda. 

View Slideshow

La Rotaractiana Patience Asiimwe ha lavorato con una squadra di vaccinatori polio nella comunità montana di Tapac, a otto ore d'auto e un mondo a parte dalla sua città di Kampala, la capitale dell'Uganda. 

A novembre 2017, a Kampala, ho conosciuto la troupe cinematografica che avrebbe documentato il progetto di immunizzazione antipolio per l'ultimo film di realtà virtuale del Rotary. Ho chiesto una settimana di permesso dal mio lavoro, con l'Uganda Cancer Society, dove mi occupo di trovare donatori e fondi per le attività del loro programma. Abbiamo noleggiato un aereo per la città di Moroto, nella parte più nord-orientale dell'Uganda, ai piedi del Monte Moroto. Lì, ci siamo incontrati con operatori UNICEF e con membri del governo locale, oltre a Rotariani e Rotaractiani, che avevano viaggiato in auto per tre ore dalla città di Soroti e che avrebbero partecipato alle immunizzazioni per la polio. Siccome non c'è un Rotary club in quella parte del Paese, i Rotariani di Soroti ogni tanto organizzano campi medici da quelle parti.

Tapac, la comunità montana dove andavamo, era a un'altra ora di macchina. Non ero mai stata in quella parte del mio Paese  – ad oltre otto ore di distanza dalla mia città, e sono rimasta shoccata. Avevo visto posti del genere solo nei film o in documentari televisivi. 

La povertà era impressionante. Le capanne di fango degli abitanti erano costruite dalle donne; gli uomini si occupano del bestiame. Le donne raccolgono l'erba a fili lunghi, che fanno seccare, legando i rami quando sono secchi. Alcune donne usano le zanzariere che ricevono per prevenire la malaria per legare i rami. Alcune delle case hanno bastoncini come basi, e il bestiame viene tenuto in casa. Le porte sono talmente piccole che non è possibile attraversarle, bisogna trascinarsi per entrare.

Il centro sanitario è in collina. È veramente piccolo e le persone sono arrivate lì da km di distanza. Non c'è elettricità in quest'area, ma fortunatamente qualcuno ha donato pannelli a energia solare per il frigorifero, visto che il vaccino antipolio deve rimanere freddo. Un'infermiera ci ha spiegato la catena del freddo e di come sistemare i vaccini nei dispositivi di trasporto, oltre a spiegarci come somministrare il vaccino senza contaminare la fiala – devi tenere il contagocce sulla bocca dei bambini senza toccarle. 

Siamo andati quindi in una delle abitazioni per fare pratica. Quando è arrivato il mio turno, tremavo. Ero preoccupata di fare un errore e mettere oltre le due gocce. Proprio come quando continui a battere le palpebre quando cerchi di metterti le gocce agli occhi. Il bambino continua a muoversi! Quindi questo può essere difficile. Abbiamo scoperto il modo per tenere la bocca ai bambini per farla rimanere aperta - devi premere gentilmente le gote. Devi sorridere, cantare. Non puoi avere la faccia seria – vuoi mettere il bambino a proprio agio con te. E naturalmente la madre aiuta a calmare il suo bambino. 

Siamo andati sulle montagne il giorno successivo, per portare i vaccini, ma prima la troupe cinematografica doveva parlare con gli abitanti per informarli di cosa sarebbe successo. Immaginate un posto dove sono rari i visitatori e poi, immaginate quando improvvisamente c'è un drone con telecamera che li filma dall'alto. All'improvviso, la gente è uscita per capire cosa stava succedendo. 

E siccome il governo aveva cercato di disarmare gli abitanti della zona, che ha una storia violenta tra le tribù, spesso correlata a furti di bestiame, gli abitanti erano sospettosi di tutti. Erano vestiti in modo differente, con capigliature differenti, quindi potevano capire immediatamente chi erano gli etranei. 

Non sapevamo che gli abitanti credevano che non fosse giusto arrampicarsi sugli alberi o sedersi sui sassi. Per gli abitanti, queste sono cose sacre. Quindi si sono arrabbiati con coi perché pensavano che li stessimo provocando. Per questo, quando si visitano posti nuovi, occorre conoscere bene la comunità. Perché chi l'avrebbe mai detto che sedersi sulle pietre fosse un errore? 

Ci spostavamo sempre con l'infermiera, perché la gente la conosceva, e lei conosceva la loro lingua, Ng’akarimojong. Dovevamo dire alla gente perché era importante somministrare il vaccino. Un padre mi ha chiesto se volevo uccidere il suo bambino, o se questo era un metodo per prevenire le nascite. Abbiamo passato un bel po' di tempo con lui. 

A Tapac, ho incontrato un uomo paralizzato a causa della polio. Non poteva camminare, poteva solo andare a gattoni. Quando piove, l'acqua si precipita giù dalla montagna, portando sassi e fango. Lui cerca di evitare tutto questo il più possibile, ma a volte rimane bloccato. Immaginate essere adulti ed essere colpiti da sassi e fando. Quando l'ho conosciuto, mi sono resa conto che una sedia a rotelle non potrebbe aiutare in un posto come quello. Le sedie a rotelle non possono arrampicarsi in montagna. Per quello ti servono le gambe.  

Quando abbiamo cominciato a filmare, mi sono concentrata su quello che avremmo filmato Ma questo è cambiato dopo aver somministrato il primo vaccino. Mi sono sentita come un eroe. È stata una sensazione gratificante, sapere che, forse, avevo appena cambiato il corso della vita di una persona. Ho sentito di aver fatto qualcosa di molto significativo. Ho impedito a qualcuno di ammalarsi. Ho dato un'opportunità a qualcuno. Queste due gocce sono un gesto che ti cambia la vita. 

Visiona i film di VR del Rotary

Sono disponibili tre film di Realtà Virtuale (VR): Due gocce speciali, I Dream of an Empty Ward, e One Small Act. Il Rotary prevede di produrre ulteriori film di VR che mettono in risalto le nostre aree d'intervento. 

Ulteriori informazioni

Scarica l'app Rotary VR per Android o iPhone

Leggi l'articolo su come preparare uno stand per film di Realtà Virtuale (VR) in dieci giorni.

  1. La squadra di vaccinatori a piedi per trovare piccoli gruppi di abitazioni remote nella comunità montana di Tapac.

  2. La squadra di vaccinatori a piedi su un terreno accidentato per raggiungere bambini in aree rurali.

  3. Rotariani di Soroti, operatori UNICEF e rappresentanti governativi e altri Rotaractiani hanno aiutato a vaccinare i bambini.

  4. "Mi sono ustionata - e fino a questo viaggio, non pensavo che le persone di colore potessero ustionarsi al sole" ha dichiarato Patience.

  5. Secondo Patience, le madri hanno aiutato a calmare i bambini durante le vaccinazioni.

  6. "Eravamo soli e spaventati, camminando tra alberi e sassi" - Patience.

  7. Patience e gli altri membri della squadra di vaccinatori mentre seguono la formazione presso il centro sanitario di Tapac.

  8. Patience ha aiutato a vaccinare bambini a Tapac.

  9. Eric Eyaru del Rotary Club di Soroti Central ha aiutato a vaccinare i bambini.  

  10. “Non potevi avere la faccia lunga - dovevi mettere i bambini a proprio agio con te”, ha affermato Patience.