Rotariano sacrifica promettente carriera musicale

Todd Shea, a destra, un socio del Rotary Club di Inwood, Manhattan, New York, distribuisce cibo alle vittime del tifone del 2013 che si è abbattuto sulle Filippine.
Referenze foto per gentile concessione di Todd Shea

L'11 settembre 2001, Todd Shea si era affrettato a raggiungere "Ground Zero". Non era tra i suoi piani. Essendo cantautore, Todd aveva in mano un contratto discografico da record e avrebbe dovuto esibirsi quella notte in uno spettacolo presso la CBGB, una delle sedi più iconiche di New York City. Invece aveva messo a disposizione il furgone della sua band per trasportare alimenti, acqua e rifornimenti durante i primi soccorsi.

Dopo cinque estenuanti giornate tra le macerie delle Torri Gemelle, Todd aveva deciso di sacrificare la sua promettente carriera musicale e di dedicare la sua vita alle opere di soccorso per i disastri.

"L'aver visto la sofferenza di New York mi ha aperto gli occhi e mi ha permesso di vedere quello che altre persone in tutto il mondo devono affrontare ogni giorno", ha raccontato. "Ho deciso così di voler stare dalla parte della soluzione e non del problema".

Per i successivi 13 anni Todd, 47 anni, si è trovato negli epicentri di altre catastrofi, tra cui lo tsunami dell'Asia meridionale nel 2004, l'uragano Katrina negli Stati Uniti, il terremoto del Kashmir nel 2005, il terremoto di Haiti, le inondazioni in Pakistan nel 2010, il terremoto e lo tsunami in Giappone nel 2011 e il tifone nelle Filippine nel 2013.

Dopo ogni opera di soccorso Todd ha raccontato di aver ottenuto maggiore conoscenza sulla logistica necessaria per affrontare le emergenze.

"Prima di prendere forma, ogni grande iniziativa richiede del tempo", ha spiegato Todd". I soccorritori qualificati, come medici, vigili del fuoco e paramedici, operano meglio quando non devono preoccuparsi delle altre esigenze basilari, come cibo, acqua e rifornimenti vari. Se qualcun altro si occuperà di procurare i materiali, loro ravranno più tempo di fare ciò che sono addestrati a fare".

Dopo il terremoto in Pakistan nel 2005, Todd aveva deciso di non lasciare la zona dopo la partenza di molte organizzazioni di servizio umanitario. Aveva provveduto a fondare l'organizzazione Comprehensive Disaster Response Services (CDRS), per fornire assistenza sanitaria e aiuto ai Pachistani che hanno accesso limitato alle cure mediche.

Dell'organizzazione fa parte una squadra di soccorritori che fornisce servizi di sicurezza, logistica e comunicazione alle equipe mediche e alle agenzie governative che operano sul campo.

"Si tratta soprattutto di provvedere al coordinamento delle risorse. Sono stato in molti posti dove gli sforzi sono stati sprecati o duplicati", ha spiegato. "C'è un villaggio che ottiene tutto l'aiuto possibile e un altro che non ha ottenuto nulla. Noi invece cerchiamo di raggiungere le aree remote e di organizzare un sistema centralizzato in cui tutte le agenzie di soccorso possono comunicare e lavorare insieme".

La struttura CDRS dispone di un centro dentistico, un centro vaccinazioni, un reparto maternità, una farmacia, un laboratorio di analisi e un'ambulanza. Todd vive in Pakistan circa nove mesi l'anno.

Nel 2009, lui ha aiutato a fondare l'organizzazione Sustainable Healthcare Initiatives Now Empowering Humanity, che ha sede negli Stati Uniti e fornisce opere di soccorso internazionali e assistenza sanitaria sostenibile e a lungo termine nei Paesi in via di sviluppo.

Todd trova il Rotary

È stato durante l'uragano Katrina a New Orleans che Todd aveva incontrato Jim Kushner, ex presidente e socio fondatore del Rotary Club di Inwood, Manhattan, New York. Insieme si sono occupati dei lavori di coordinamento per il salvataggio degli animali e la consegna di gommoni, e hanno assistito i militari nelle opere di ricerca e soccorso.

"Jim ed io siamo come fratelli. Condividiamo la passione di aiutare coloro che versano nel bisogno", ha dichiarato Todd. "Col passare del tempo mi ha dimostrato attraverso il suo impegno, sudore e sangue che mettersi in pericolo per gli altri è un'impresa nobile e meritevole".

È dall'epoca di Katrina che i due hanno riunito le loro forze per rispondere ai grandi disastri.

"Todd continua a andare avanti. A prescindere da ciò che dev'essere fatto, lui trova il modo per farlo", ha spiegato Jim. "È come una locomotiva che non rallenta di fronte alle barriere".

Ad agosto Todd si è affiliato al club di Inwood club. Secondo lui, i Rotary club riflettono il valore dei soci che ne fanno parte.

"Se sei motivato e vuoi fare davvero la differenza, allora puoi affiliarti ad un Rotary club. Vorrei incoraggiare le persone che vogliono realizzare un cambiamento reale di usare il Rotary come piattaforma. Non esiste migliore organizzazione per farlo".

Fare musica per sostenere la causa

Sol perché Todd non sta inseguendo il suo sogno di diventare una star del mondo musicale non significa che ha abbandonato la chitarra. Lui ha lanciato una collaborazione musicale e culturale con musicisti pachistani e americani chiamata Sonic Peacemakers. Organizza e svolge concerti in entrambi i Paesi per raccogliere fondi e promuovere attività di sensibilizzazione sui bambini vulnerabili del Pakistan.

"Ho creato il CDRS per dare loro l'assistenza sanitaria che viene fornita ai bambini americani tutti i giorni".

A proposito della sua vita frenetica, Todd ha affermato che non saprebbe come darsi da fare in un altro modo per realizzare il cambiamento.

"Il mondo potrebbe diventare un posto molto brutto", ha spiegato. "Sto solo cercando di fare la mia parte per aiutare a trasformare l'indifferenza, l'intolleranza e l'odio in amore, gentilezza e compassione".

Rotary News

23-Apr-2014
RSS