Messaggi del Presidente

GARY C.K. HUANG

President 2014-15

Marzo 2015

Nel Rotary, abbiamo l'opportunità di allacciare grandi amicizie con colleghi Rotariani di tutto il mondo. Una volta l'anno, durante il congresso internazionale, abbiamo l'occasione di ritrovarci tutti insieme, condividendo idee e nuovi piani progettuali, e divertirci.

Non c'è modo migliore per completare l'anno 2014/2015 all'insegna del tema Accendi la luce del Rotary, insieme agli amici, che partecipare al Congresso RI di San Paolo, Brasile. Questo è un congresso da non perdere, che si tratti del primo congresso o ultimo di una serie di congressi RI. La pre-registrazione si concluderà il 31 marzo, quindi preparateVi adesso per il party del Rotary più grande dell'anno.

Il congresso comincia sabato, 6 giugno, e dopo la cerimonia d'apertura, sono in programma il tradizionale carnevale brasiliano e la sfilata delle scuole di samba all'Anhembi Sambadrome. Anche se pensate di non saper ballare, sarete trascinati dal ritmo, ballando e cantando tutta la notte. La festa e la sfilata saranno piene di colori, piume e brillantini tipici del carnevale del posto, oltre ad offrire il sound della samba, musica e balli afro-brasiliani, e deliziosi cibi e bevande di San Paolo.

Lunedì sera, Ivete Sangalo, vincitrice di due premi Latin Grammy, farà uno spettacolo per noi Rotariani, e ogni sera, grazie all'iniziativa Rotary Restaurant Nights potrete usufruire di sconti speciali presso i ristoranti della capitale culinaria dell'America Latina. Potrete deliziare il Vostro palato con pesce dall'Amazzonia, sushi 'alla latina', carne di manzo brasiliana e altre squisite pietanze dai 30.000 ristoranti e bar di San Paolo. L'ingresso ai tanti musei di San Paolo, incluso il Museo del calcio, è gratuito mostrando il badge portanome del congresso.

Il Brasile riflette bene la diversità proprio come il Rotary: gli abitanti di San Paolo, o Paulistanos, hanno creato una cultura ricca di influenze da tutto il mondo. Uno dei punti clou del congresso RI è la serata dell'ospitalità, durante la quale potrete fare conoscenza con i Rotariani del posto. Lunedì sera avrete la possibilità di provare lo stile di vita dei veri paulistanos con Rotariani brasiliani, ma affrettateVi a prenotare i biglietti per l'evento perché sono limitati.

Nel Rotary, servizio e amicizia vanno mano nella mano. Riflettendo sull'impegno preso durante l'anno rotariano, Vi chiedo di non perdere di vista l'importanza dell'amicizia internazionale e di registrarVi al congresso di San Paolo oggi stesso sul sito www.riconvention.org/it.


Febbraio 2015

Come presidente del Rotary, è mio dovere incoraggiare e ispirare i Rotariani dovunque li incontro. Inoltre, devo fare in modo che ascoltino quello che desidero comunicare. Che si tratti di un progetto di successo, di una sfida, di una bella Giornata del Rotary o di una nuova idea, voglio sapere quello che stanno pensando, facendo e programmando i Rotariani. In questo senso, dovunque mi trovi, chiedo ai miei padroni di casa di parlarmi dei loro club; di quello che fanno, di come stanno andando, se devono migliorare, e cosa potremmo fare presso la Sede centrale per assisterli.

Le risposte sono sempre interessanti e spesso sorprendenti. A volte posso contribuire con un'idea o un consiglio; altre volte sono in grado di allacciare contatti che portano alla realizzazione di un progetto. Spesso, torno a Evanston con idee e dettagli che mi aiutano a prendere decisioni migliori. Ma quello che più mi piace è ascoltare i racconti che, se raccontati tutti insieme, rappresentano la storia del Rotary.

Ad Atlanta, ho partecipato a un evento Rotary per celebrare gli insegnanti, e ho ascoltato vari racconti sul dono dell'alfabetizzazione e di come trasforma vite. A Istanbul, ho partecipato a una corsa in sedie a rotelle, e ho appreso che i Rotariani turchi si stanno impegnando per migliorare la vita di persone diversamente abili. A Lima, Perù, ho parlato a ex-Rotaractiani che hanno aspettato per 20 anni prima di essere invitati a entrare a far parte di un Rotary club, e come l'affiliazione al Rotary ha cambiato loro la vita.

Ho ascoltato racconti che mi hanno fatto ridere e che mi hanno fatto piangere. Ho ascoltato storie su come il nostro servizio cambia la vita al prossimo e come cambia la vita di noi Rotariani. Quando ascolto questi racconti, non posso fare a meno di chiedere: quante altre vite potremmo cambiare in meglio portando più persone nel Rotary? E quante altre persone potremmo portare nel Rotary con la semplice condivisione dei nostri racconti Rotary?

In questo anno rotariano, chiedo a tutti Voi di fare proprio questo: condividere racconti sul Rotary. Raccontateli ad amici, nei social media e tramite il sito web Rotary.org/it. I nostri racconti Rotary ci ispirano e incoraggiano gli altri ad unirsi a noi; ci aiutano a mettere in risalto il nostro servizio e a realizzare il nostro motto: Accendi la luce del Rotary.


Gennaio 2015

All'inizio di quest'anno rotariano, ad ogni Rotariano ho chiesto Accendi la luce del Rotary e di organizzare una Giornata Rotary. Lascio a tutti voi la decisione di come realizzare l'evento: potreste dedicare un'intera giornata oppure qualche ora all'evento. Le Giornate potrebbero essere organizzate dai club, dai distretti, o nell'ambito dell'intero Paese. Si possono celebrare progetti di servizio, festival o eventi di ogni tipo. L'importante è che gli eventi siano aperti alla comunità, accolgano l'intera famiglia Rotary, e siano veramente delle Giornate Rotary divertenti!

L'obiettivo delle Giornate Rotary è di 'accendere i riflettori' sul Rotary. Per molti anni, nel Rotary abbiamo pensato che non fosse appropriato vantarci delle buone opere che svolgevamo. Pensavamo fosse giusto dedicarci al servizio in silenzio e lasciare che le nostre opere parlassero per noi. Ma oggi, in tante comunità, sono in molti a non sapere di avere un Rotary club sul posto. Non perché i club non siano solidi o non svolgano opere di bene. Ma se i Rotariani non parlano di ciò che realizzano, la gente non lo saprà mai.

Adesso è arrivato il momento, come ci ricorda il nostro tema, Accendi la luce del Rotary, di accendere i riflettori su ciò che siamo realizzando. Nella prima metà di quest'anno rotariano, sono rimasto entusiasta di vedere che molti Rotariani hanno accettato la sfida delle Giornate Rotary. Ho partecipato alle Giornate in tanti posti, dalle Filippine alla Corea, dalla Cina agli Stati Uniti, in Turchia, India, Taiwan, Sri Lanka e Bangladesh. Ogni Giornata era diversa, e ognuna di esse ha raccolto la sfida del tema in modo diverso.

Se avete organizzato una Giornata Rotary, fatecelo sapere inviando un'email con i dettagli e le foto del vostro evento a: rotarian@rotary.org, scrivendo "Rotary Day" nel campo dell'oggetto dell'email. Faremo del nostro meglio per includere tutte le Giornate Rotary possibili nella rivista nei prossimi mesi.

Se non avete ancora pianificato la vostra Giornata Rotary, perché no? Si tratta di un ottimo modo per condividere la vostra passione per il Rotary con la comunità. Quando facciamo conoscere il Rotary agli altri, di come l'affiliazione può arricchire anche la loro vita, e come fare un dono, lo stesso che tutti noi abbiamo ricevuto quando siamo stati invitati nei nostri club. Passando questo dono agli altri, noi aiutiamo ad assicurare che il Rotary, e il servizio reso al prossimo, possano continuare per le generazioni future.


Dicembre 2014

Se date un'occhiata al calendario del Rotary, è facile capire quali sono le priorità della nostra organizzazione. L'anno rotariano comincia a luglio, ad agosto celebriamo il Mese dell'effettivo, a settembre il Mese delle Nuove generazioni, ad ottobre il Mese dell'Azione professionale e così via, rivolgendo la nostra attenzione su diversi argomenti importanti per Rotary.

L'idea è di ricordare argomenti che potremmo aver sorvolato durante gli impegni dell'anno. Tutti noi però sappiamo che ogni argomento è importante, dall'affiatamento alla nostra Fondazione. Tutti fanno parte del Rotary e di ciò che ci rende Rotariani.

Nel Rotary, dicembre è il Mese della famiglia. Ricordando i miei anni da Rotariano, sono cosciente di quanto la famiglia sia importante nel Rotary – e quanto il Rotary può essere importante per le nostre famiglie.

Mia moglie Corinna, ha deciso di affiliarsi al Rotary qualche mese fa, dopo anni passati come coniuge di un Rotariano. I nostri tre figli sono Rotariani, e si sono affiliati ai loro club in momenti diversi. Tutti quanti hanno trovato un proprio interesse nel Rotary. Vedendoli crescere negli anni, noi siamo rimasti piacevolmente colpiti dal fatto che molti membri della nostra famiglia sono coinvolti nel servizio attraverso il Rotary.

Il Rotary ci consente di fare del bene, insieme. Con Rotary, abbiamo sempre qualcosa di interessante da discutere a cena. Tutti siamo coinvolti in progetti differenti, e quando ci ritroviamo, parliamo di progetti umanitari di ogni tipo, in ogni parte del mondo e tutti possiamo sempre imparare qualcosa di nuovo.

Le nostre conversazioni sono un ottimo modo per insegnare ai nostri bambini, con le nostre azioni, quali sono le cose importanti nella vita. Imparano a conoscere come vive la gente in tutto il mondo, e come tutti noi abbiamo l'obbligo di fare tutto il possibile per il prossimo. Non penso ci sia lezione migliore da impartire ai nostri bambini delle lezioni di vita del servizio nel Rotary.

Mi auguro che in questo anno rotariano molti di voi incoraggeranno i membri della loro famiglia a fare parte del Rotary, Rotaract, o Interact. Portare la famiglia nel Rotary non solo aiuta a realizzare il nostro motto, Accendi la luce del Rotary, ma aiuta anche a illuminare la vita di ognuno di noi.


Novembre 2014

Accendi la luce del Rotary! Da quattro mesi siamo impegnati per mettere in pratica questo motto, e sono più entusiasta che mai del lavoro che stiamo svolgendo nel Rotary. Sono già stato in ben 22 Paesi, in decine di città, e ho incontrato migliaia di Rotariani. Ho osservato l'attuazione di progetti incredibili e sono stato ispirato ogni volta da tutto ciò che i Rotariani realizzano in tutto il mondo. Abbiamo avuto l'onore di partecipare ad eventi Rotary di ogni tipo, da riunioni di club a Istituti, da Giornate del Rotary a cene di beneficenza per la Fondazione.

Anche se ogni evento è memorabile, sono particolarmente onorato quando partecipo alle celebrazioni dei club. Per me, partecipare a una celebrazione dei Rotary club da Presidente del Rotary è come essere invitato a un evento in famiglia e scoprire di essere l'ospite d'onore. Davvero, il Rotary è la più grande famiglia del mondo.

Il Servire fa parte delle fondamenta del Rotary: ogni progetto rappresenta un mattone per costruire "l'edificio" del Rotary. E quindi se questo è il caso, l'amicizia funge da collante, da malta, che cementa questi mattoni. Noto questo ogni giorno, ma lo noto in particolare durante gli anniversari dei club, durante i loro centenari.

Essere Presidente del Rotary durante il suo 110º anno, mi consente di avere la fortuna di partecipare a diverse celebrazioni del genere. Naturalmente, quando si visitano club centenari, viene subito da chiedersi qual è il loro segreto – perché ho notato che i club di lunga data sono anche i più produttivi. Sono club di notevoli dimensioni, sono attivi e realizzano ottime opere. Non solo, ma questi club si divertono anche.

Naturalmente, proprio questo è il loro segreto: nel Rotary, le amicizie profonde e il servizio vanno mano nella mano. Quando ci piace ciò che facciamo, vogliamo continuare a farlo; vogliamo impegnarci ulteriormente e fare di meglio. Aspettiamo impazienti le riunioni del Rotary, anche con tutti gli impegni, facciamo spazio al Rotary, ne facciamo una priorità, per vedere i nostri amici e fare la nostra parte nel servizio.

Per questo il Rotary è ancora qui, anche dopo oltre 109 anni. In cinese, noi diciamo:

如果人生没有朋友,就等于没有太阳.

Una vita senza amici è una vita senza sole.

Le nostre amicizie nel Rotary illuminano la nostra vita; e grazie alle amicizie nel Rotary, oltre al servire, siamo in grado di continuare a realizzare il nostro motto, Accendi la luce del Rotary.


Ottobre 2014

Nel mese di ottobre del 1914 è nato Jonas Salk - un uomo destinato a cambiare la storia del mondo inventando il primo vaccino efficace contro la polio. Quando il vaccino è stato introdotto negli Stati Uniti nel 1950, i sondaggi indicavano che la polio era una delle due più grandi paure della nazione, seconda solo alla paura della guerra nucleare. E con buona ragione: nel 1952 negli Stati Uniti erano stati segnalati 58.000 casi di polio, 3.145 morti e 21.269 casi di disabilità e paralisi permanente. A livello globale, la poliomielite aveva paralizzato o ucciso fino a mezzo milione di persone ogni anno.

Subito dopo la creazione del vaccino di Salk, Albert Sabin aveva sviluppato una versione orale, che consentiva di vaccinare un enorme numero di bambini in modo rapido, sicuro e a basso costo. Nel 1985, è nato il programma PolioPlus del Rotary, con un semplice obiettivo: immunizzare tutti i bambini di età inferiore ai cinque anni contro questa malattia invalidante. E grazie in gran parte al successo iniziale del programma PolioPlus, nel 1988 i 166 Stati membri dell'Assemblea mondiale della sanità aveva deciso all'unanimità di definire l'obiettivo dell'eradicazione globale della polio.

All'epoca, l'idea era incredibilmente ambiziosa, e molti scettici la consideravano impossibile da realizzare. Oggi, siamo più vicini che mai a raggiungere l'obiettivo, in quanto si rilevano solo poche centinaia di casi di polio ogni anno, e sono rimasti solo tre Paesi polio-endemici. Siamo ormai sulla strada giusta che porterà all'eradicazione completa entro il 2018, se riusciamo a tenere alta la guardia e l'impegno costante che ci hanno permesso di arrivare a questo punto.

E questo mese, in occasione della Giornata Mondiale della Polio in programma per il 24 ottobre, celebreremo il centenario della nascita del dottore Salk.

Questo mese, chiedo a tutti di accendere la luce del Rotary facendo tutto il possibile per puntare i riflettori sui nostri sforzi a favore dell'eradicazione della polio. Appellatevi ai vostri rappresentanti di governo e fate sapere loro che l'estirpazione della polio è una causa che vi sta a cuore. Visitate il sito web endpolionow.org/it per trarre ispirazione dalle storie sull'operato del Rotary e condividerle sui social media. E fate il miglior investimento che possiate mai fare, facendo una donazione a favore dell'eradicazione della polio cliccando sul pulsante del sito che sarà triplicata grazie all'equiparazione da parte della Bill & Melinda Gates Foundation.

Con l'eliminazione della polio - e ci riusciremo - daremo al mondo, e anche al Rotary, un futuro migliore. Dimostreremo che noi, come organizzazione, siamo capaci di realizzare grandi cose. E avremo dato ai nostri figli e nipoti un regalo che durerà per sempre: un mondo senza polio.


Settembre 2014

Uno dei grandi privilegi della presidenza del Rotary International è avere l'opportunità di visitare tante parti del mondo rotariano. Di solito viaggio per partecipare ad eventi Rotary, nei club, a congressi e istituti, incoraggiando i Rotariani nel loro impegno. Ma in qualità di presidente, sono responsabile di tutti i rami della famiglia Rotary, e ciò significa che è mio privilegio sostenere anche l'azione delle nuove generazioni, i nostri Rotaractiani, Interactiani, studenti dello Scambio giovani e partecipanti RYLA.

Rimango davvero impressionato e ispirato dalle opere realizzate dai Rotariani. E questo succede anche con i progetti svolti dalle nuove generazioni, e a volte sono anche sorpreso dai progetti stessi. Non parlo della qualità dei progetti, perché conosco la creatività che hanno i giovani. Io spesso guardo quello che fanno e non penso semplicemente che si tratti di un "ottimo lavoro" ma spesso dico che si tratta di una "ottima idea"! Perché ogni nuova generazione guarda il mondo in modo unico, ed ogni singolo individuo ha un punto di vista diverso. Quando dobbiamo affrontare gli stessi problemi, noi troviamo soluzioni diverse. E nel Rotary, queste differenze (culturali, linguistiche e di età) sono il nostro punto di forza.

Nel Rotary, noi consideriamo i progetti con prospettive di lungo respiro. Noi aspiriamo a servire per fare la differenza il più a lungo possibile, con risultati che continueranno ad esistere anche al termine della nostra partecipazione. Le nostre nuove generazioni, secondo me, condividono questo punto di vista, e lo applicano a livello globale, concentrandosi su problemi dell'ambiente in modi nuovi e innovativi. Quando sono diventato Rotariano, i problemi ecologici non erano nel nostro radar. Per i giovani d'oggi, queste sono problematiche centrali. Le prospettive dei giovani sono valide per un'organizzazione di servizio come il Rotary, e dovremmo tutti fare in modo di incoraggiare e sostenere il contributo delle nuove leve. Così come loro imparano da noi, noi dovremmo imparare da loro.

I giovani che fanno parte di Rotaract e Interact, i partecipanti al programma Scambio giovani e RYLA sono i futuri Rotariani. Quando diamo loro il nostro supporto, stiamo sostenendo anche il futuro dell'intera organizzazione, stiamo aiutando a formare uomini e donne che in futuro diventeranno presidenti di club, governatori, Consiglieri RI e Presidenti del Rotary.


Agosto 2014

Nel Rotary, agosto è il Mese dell'effettivo e dell'espansione. Ci sono tante buone ragioni per ricordare l'importanza dell'effettivo all'inizio del nuovo anno rotariano: ampliare il numero complessivo di soci è nostro compito, e non possiamo mai smettere di impegnarci in tal senso. Per continuare a servire il prossimo, il Rotary deve continuare a crescere!

Sono anni che parliamo dell'importanza della famiglia Rotary e, in questo nuovo anno rotariano, vorrei dare priorità non solo alla famiglia Rotary, ma alle nostre famiglie nell'ambito del nostro effettivo. L'anno scorso, dopo 37 anni al mio seguito nella vita del Rotary, mia moglie Corinna è finalmente diventata Rotariana. Mentre partecipavamo insieme alla cerimonia di fondazione di un nuovo club in Taiwan, lei mi ha detto: "È arrivato il momento anche per me di diventare Rotariana!". E si è affiliata a quel club. Dopodiché, tante altre persone hanno seguito il suo esempio. Il club adesso ha 102 soci, ed è il secondo club del Taiwan per numero di soci.

Invitare i Vostri coniugi nel Rotary non significa semplicemente nutrire le fila, ma intende risolvere la realtà del Rotary che continua a essere composto più da uomini che da donne; e questo è qualcosa su cui dovremmo impegnarci tutti. I club diventano più attraenti per le donne se ci sono già molte donne che ne fanno parte, e i club tendono a essere anche più produttivi.

Quest'anno avremo qualcosa di nuovo in questo senso: una spilla per il team di supporto dell'effettivo. Quando inviterete un nuovo socio ad entrare nel Rotary, riceverete una spilla speciale, da indossare insieme alla classica spilla del Rotary. Tuttavia, sappiamo tutti che l'impegno per la crescita dell'effettivo non finisce con l'adesione di un nuovo socio nel club, ma termina solo quando i nuovi soci s'impegnano a rimanere per sempre nell'organizzazione! E assicurare che i nostri club siano dei posti divertenti è una delle chiavi per far crescere l'effettivo.

Le persone entrano a far parte del Rotary per una miriade di ragioni, ma rimangono perché è divertente farne parte. In tal senso, vorrei ricordare a tutti Voi di divertirVi nei Vostri club e distretti. Il Rotary si basa sull'idea che servire il prossimo insieme ai nostri amici è molto più efficace. In tal senso, godiamoci il nostro servizio nel Rotary, condividiamolo con gli altri, e insieme, impegniamoci all'insegna del motto: Accendi la luce del Rotary!


Luglio 2014

Ritengo ci siano molti valori tradizionali cinesi nel Rotary: servizio e responsabilità, rispetto per i familiari e il prossimo. Secondo me, Confucio è stato il primo Rotariano della storia, anche se è vissuto 2.500 anni prima della fondazione del Rotary e i suoi ideali sono uguali a quelli del Rotary. Confucio ha anche detto: 與其抱怨,不如改變. che vuol dire:

"È meglio accendere una lampada, che maledire l'oscurità".

Penso che questa semplice frase esprima bene l'approccio del Rotary nel risolvere i problemi del mondo. Vi sono tante difficoltà, vi sono tante persone che hanno bisogno d'aiuto. Sono in tanti a dire di non sapere come aiutare e di conseguenza non fanno niente; così non cambia mai niente.

Ma questo non è il modo di fare del Rotary. Nel Rotary, noi 'accendiamo una lampada'. Se io accendo una lampada, e voi accendete una lampada insieme ad altri 1,2 milioni di Rotariani, noi possiamo fare molto più che da soli. Insieme, possiamo illuminare il mondo intero.

Nel 2014/2015, chiedo ad ognuno di voi di accendere la vostra lampada....e di agire insieme all'insegna del motto: Accendi la luce del Rotary.

L'affermazione Accendi la luce del Rotary può essere messa in pratica in tanti modi. Mi auguro che molti di voi vorranno organizzare una Giornata del Rotary, per mostrare alla vostra comunità che cos'è e cosa fa il Rotary. Coinvolgete i Rotaractiani e gli Interactiani nei progetti di servizio, per includere le nuove generazioni nella famiglia del Rotary e incoraggiandoli a diventare soci del Rotary in futuro. La mia speranza è che vogliate rafforzare il Rotary invitando altre persone ad unirsi a noi....inclusi i vostri coniugi e familiari.

Forse la cosa più importante che potremo fare insieme per accendere la luce del Rotary è di completare l'opera alla quale stiamo lavorando da oltre un quarto di secolo: l'eradicazione della polio. Basta così poco per superare il traguardo, ma ci arriveremo solo se continueremo ad impegnarci, a mantenere il passo e a chiudere il divario dei fondi necessari per realizzare il piano finale contro la polio.

Accendi la luce del Rotary è il nostro tema per quest'anno, ma va oltre la semplice espressione tematica. Rappresenta come noi Rotariani guardiamo il mondo e il nostro ruolo al suo interno. Noi crediamo che nessuno dovrebbe rimanere al buio da solo. Invece, insieme, 1,2 milioni di noi Rotariani, potremo far risplendere la luce del Rotary. Questo è il nostro obiettivo, e anche la mia sfida per tutti voi.