Forum della pace a Hiroshima: la pace nel mondo è un obiettivo realizzabile

Past RI President Luis Giay (left), RI President Sakuji Tanaka (center), and Rotary Foundation Trustee Chair Wilfrid J. Wilkinson (right) placed wreaths in Hiroshima Memorial Park during the third Rotary Global Peace Forum 17 May. Giay served as chair and convener of the forum.
Referenze foto Noriko Futagami

Il 17 maggio, con una cerimonia carica di simbolismo, Sakuji Tanaka, Presidente del RI, insieme ad altri dirigenti del Rotary e leader della comunità, ha deposto una corona di alloro nel parco delle rimembranze di Hiroshima in memoria delle vittime della bomba atomica sganciata sulla città durante la II Guerra Mondiale.

Il tema della pace è stato al centro dell’anno di presidenza di Tanaka. Lui è socio del Rotary Club di Yashio, Giappone, ed ha scelto il tema “ La pace attraverso il servizio” per il suo anno d’incarico. Nel corso dell’anno sono stati programmati tre forum dedicati alla pace mondiale per motivare i Rotariani e altri, in particolare i giovani, ad impegnarsi a favore della pace nella loro vita quotidiana.

La deposizione ha avuto luogo durante il terzo di questi forum, a Hiroshima, in Giappone, 17-18 maggio. Tanaka ha anche visitato l'Hiroshima Peace Memorial Museum ed ha firmato il registro degli ospiti che contiene messaggi di pace da parte di molti ex ed attuali leader mondiali.

Oltre 2.700 persone hanno partecipato al forum, tra cui Rotariani, leader della comunità e studenti ed ex studenti del programma dei Centri della pace del Rotary; un'iniziativa di studi sulla pace che fornisce ai futuri leader le competenze necessarie per risolvere i conflitti e promuovere la pace. Hanno partecipato alla manifestazione anche il governatore della Prefettura di Hiroshima, Hidehiko Yuzaki, e il sindaco di Hiroshima, Kazumi Matsui.

Gli altri due forum si sono svolti a Berlino, in Germania, e Honolulu, Hawaii, Stati Uniti d'America. Tanaka aveva selezionato questi luoghi perché erano al centro degli infelici eventi causati dalla II Guerra Mondiale e ora rappresentano il volto della pace sostenibile tra le nazioni.

"Ogni progetto del Rotary, ogni atto di servizio, è un atto di amore e di bontà", ha dichiarato Tanaka nel suo discorso di chiusura. "Quando ci adoperiamo nel modo giusto, e per le ragioni giuste, riusciamo a mettere insieme le persone in pace e in armonia".

Invito all'azione

I partecipanti al forum hanno adottato la dichiarazione "La pace comincia con te", che rappresenta un invito all'azione per fare uno sforzo cosciente e promuovere l'armonia con il prossimo e creare amicizie che trascendono le divisioni di nazionalità, politica, religione e cultura.

"Oggi, con quest'ultimo forum sulla pace del Rotary, vi chiedo di capire che la pace, in tutti sensi, è un vero e proprio obiettivo, ed è un obiettivo realistico per il Rotary", ha dichiarato Tanaka. "La pace non è qualcosa che può essere realizzata solo attraverso i trattati, da parte dei governi, o attraverso lotte eroiche; si tratta di qualcosa che possiamo trovare, e che possiamo realizzare; ogni giorno e in tanti modi semplici".

Dong Kurn Lee, il Presidente eletto della Fondazione Rotary, del Rotary Club di Seoul Hangang, Corea, ha parlato dei contributi del Rotary nel ravvicinare le nazioni della Corea e del Giappone come alleati e partner economici e nel guarire vecchie ferite. Ha citato poi un detto coreano: "Per creare il suono del battito di mani, ci vogliono due mani", per indicare che nessuna nazione può decidere da sola di vivere in pace con il suo Paese vicino.

"Ogni anno, per gli ultimi undici anni, i Rotariani giapponesi e coreani hanno avuto un incontro molto speciale: un incontro di amicizia nippo-coreana", ha detto Lee. "È un evento meraviglioso. Parliamo di Rotary e facciamo un po' di lavoro rotariano. Ma la parte più importante della riunione consiste nel ritrovarsi insieme, di essere affiatati nel Rotary .... il Rotary ci ha aiutato a rendere il nostro sogno di pace tra nostri Paesi reale".

Gary CK Huang, il Presidente designato ha osservato che l'idea di trattare gli altri come vorremmo che fossimo trattati noi stessi è un concetto comune tra le culture e le religioni. I soci del Rotary si sforzano di realizzare questo mettendo il servizio al di sopra di ogni interesse personale e gettando le fondamenta per la pace.

"Costruiamo la pace nel mondo cominciando a edificare la pace nelle nostre comunità; all'interno delle nostre zone e distretti Rotary, e all'interno dei nostri quartieri", ha spiegato Huang. "Costruiamo la pace nelle nostre comunità instaurando amicizie, e con un'apertura mentale e un animo accogliente".

Rotary in Giappone

Il Rotary è esistito in Giappone dal 1920 con la fondazione del Rotary Club di Tokyo. In seguito sono stati creati altri Rotary club ad Osaka, Kyoto, Yokohama, e in diverse altre città. Oggi, ci sono circa 88.000 Rotariani in Giappone suddivisi in 2.285 club.

Nel marzo 2011, un terremoto al largo delle coste del Giappone e il conseguente tsunami ha causato la devastazione di gran parte della nazione. Rotariani di tutto il mondo hanno risposto con il sostegno morale e finanziario, raccogliendo oltre 7,8 milioni USD per gli sforzi di ricostruzione in Giappone e nelle nazioni insulari del Pacifico.

Il Rotary ha un impegno di lunga data a favore della pace. A livello di base, i soci hanno lavorato per rispondere alle radici dei conflitti e della violenza, come la fame, la povertà, le malattie e l'analfabetismo. Dieci anni fa, il Rotary ha deciso di adottare un approccio diretto nella promozione della comprensione internazionale, fornendo ai futuri leader gli strumenti di cui hanno bisogno per "portare la pace" sulla scena mondiale.

Dal 2002, i Rotary club hanno promosso ogni anno fino a 110 borsisti per il conseguimento di un master o certificato di sviluppo professionale sulla pace e risoluzione dei conflitti nei Centri della pace del Rotary presso varie università in tutto il mondo. Settanta Borsisti della pace si sono laureati dal Centro della pace del Rotary a Tokyo presso la International Christian University, e altri ventuno sono attualmente iscritti; e sono venticinque i borsisti provenienti dal Giappone che hanno studiato all'estero presso Centri della pace del Rotary.

 

Rotary News 

20-May-2013
RSS