Summit mondiale sul vaccino: impegni per 4 miliardi per spinta finale contro polio

Rotarians are playing a vital role in advocating government support for global polio eradication through meetings with world leaders and public awareness events.

Il 2013-18 Polio Eradication and Endgame Strategic Plan e circa 4 miliardi USD in impegni di finanziamento sono stati gli argomenti principali del Summit mondiale sul vaccino ad Abu Dhabi, dal 24 al 25 aprile.

Sviluppato dalla Global Polio Eradication Initiative (GPEI), il piano è stato ideato per interrompere la trasmissione del poliovirus selvaggio entro la fine del 2014, rafforzare le immunizzazioni di routine, creare le basi per assicurare per sempre un mondo libero dalla polio, e trasferire i beni disponibili per l'iniziativa di eradicazione della polio ad altri impegni di salute pubblica.

Secondo le stime della GPEI il nuovo piano dovrebbe costare circa 5,5 miliardi USD. Governi, organizzazioni non governative, fondazioni e altri donatori hanno annunciato i loro impegni durante il summit. Inoltre, hanno anche richiesto l'aiuto di altri donatori per colmare il deficit di 1,5 miliardi di dollari necessari per assicurare l'estirpazione della malattia.

Il Global Vaccine Summit è stato organizzato dallo Sceicco Mohamed bin Zayed bin Sultan Al Nahyan, Principe di Abu Dhabi, in partnership con il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon e Bill Gates, co-presidente della Bill & Melinda Gates Foundation. L'evento ha attratto 300 rappresentanti, dai partner della GPEI ai governi nazionali, esperti sanitari, leader di settore e filantropi. Il presidente della Commissione PolioPlus del Rotary Internazional, Robert Scott, il presidente della Commissione Nazionale PolioPlus dell'India, Deepak Kapur e la dott.ssa Carol Pandak, Direttore di PolioPlus, erano al summit in rappresentanza del Rotary. L'attrice e ambasciatrice polio del Rotary, Archie Panjabi, ha presieduto l'evento.

"Questo non è solo un piano per l'eradicazione della polio, ma è un piano per l'immunizzazione con l'obiettivo di eliminare per sempre la polio, migliorando contemporaneamente gli sforzi per proteggere tutti i bambini, inclusi i più vulnerabili tra di loro, con vaccini salvavita", ha dichiarato Gates. "La corretta implementazione del piano richiede un investimento significativo, ma a breve termine, e produrrà un mondo libero dalla polio, con risultati duraturi per le generazioni future".

Il Rotary Internazional, insieme a OMS, UNICEF, CDC (Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie) e la Bill & Melinda Gates Foundation, sono partner globali della GPEI. Una delle responsabilità chiave del Rotary è l'impegno globale alla sensibilizzazione. Oltre ad aver contribuito circa 1,2 miliardi di dollari alla GPEI, il Rotary ha aiutato ad assicurare oltre 9 miliardi in donazioni dai governi sin dall'avvio dell'iniziativa nel 1988. Secondo le attuali stime, l'eradicazione della polio potrebbe portare il mondo a risparmiare da 40 a 50 miliardi di dollari entro il 2035.

Gates ha annunciato l'impegno della sua fondazione per un terzo del costo del budget della GPEI nei prossimi sei anni per l'implementazione del piano, per un totale di 1,8 miliardi di dollari. Un nuovo gruppo di filantropi si è unito a Gates per finanziare il nuovo piano, con ulteriori impegni di 335 milioni di dollari: Albert L. Ueltschi Foundation, Alwaleed Bin Talal Foundation-Global, Bloomberg Philanthropies, Carlos Slim Foundation, Dalio Foundation, Foundation for a Greater Opportunity di Carl C. Icahn, e la Tahir Foundation.

I governi donatori da lunga data, Canada, Germania, Norvegia e Regno Unito, oltre alla Nigeria, hanno preso nuovi impegni, e il Principe di Abu Dhabi ha annunciato un secondo impegno per l'eradicazione della polio per 120 milioni, che va ad aggiungersi al suo primo contributo effettuato nel 2011. A tutti questi impegni, si sono aggiunti quelli della Islamic Development Bank, dell'Irlanda e del Giappone.

Il Rotary, donatore iniziale della GPEI, ha preso l'impegno fino al 2018 di raccogliere fondi e mobilitare gli impegni a sostegno della strategia per la spinta finale. "Per interrompere la polio una volta per sempre, abbiamo bisogno di agire velocemente, in modo che tutti i bambini siano completamente protetti e per assicurare che i Paesi non possano avere nuove infezioni", ha dichiarato il Presidente RI Sakuji Tanaka. "Questo richiede l'impegno di leader nazionali e locali laddove la polio esiste ancora, con il continuo supporto di Paesi donatori e l'impegno continuo degli eroici vaccinatori".

La polio ha registrato un calo del 99 percento dei casi, fino a soli 22 quest'anno (al 24 aprile) e solo tre Paesi ancora polio-endemici – Afghanistan, Pakistan, Nigeria. Tuttavia, senza l'eradicazione, questa malattia potrebbe ancora ritornare a paralizzare oltre 200.000 bambini ogni anno in tutto il mondo entro il prossimo decennio.

L'enorme infrastruttura per l'eradicazione della polio stabilita dalla GPEI sta anche aiutando a combattere malattie quali il morbillo, la malaria e altre malattie, oltre ad aiutare a rispondere a disastri naturali e altre emergenze sanitarie. Dopo l'eradicazione della polio, il piano per la spinta finale richiede il trasferimento di tutti i beni della GPEI per assicurare benefici a lungo termine per la salute pubblica.

"Dopo mllenni di lotta alla polio, questo piano ci avvicina alla fine della lotta" ha dichiarato il Direttore generale dell'OMS, la dott.ssa Margaret Chan. "La lunga esperienza, l'infrastruttura e la conoscenza ottenute dall'eradicazione della polio potranno aiutarci a raggiungere i bambini di tutte le comunità con servizi sanitari essenziali".

Rotary News 

RSS