Rotary e ShelterBox: senso di normalità dopo calamità

Rachel Simpkins, volontaria di ShelterBox, intrattiene i bambini le cui famiglie sono rimaste senzatetto a causa delle inondazioni della foresta peruviana causate dalle piogge.
Referenze foto Foto di Malcolm Shead

I mesi di continua pioggia nella foresta tropicale del Perù hanno causato alluvioni devastanti. Ad aprile 2012, il Rio delle Amazzoni e gli altri corsi d'acqua hanno sommerso interi villaggi, forzando gli abitanti a trovare scampo sui tetti delle loro case o in luoghi più elevati. Il Rotary Club Iquitos ha chiamato ShelterBox, uno dei partner del Rotary, che ha provveduto a fornire tende e altri beni di prima necessità ai senzatetto.

Malcolm Shead, un volontario di Llandeilo, Galles, faceva parte della prima squadra di soccorso immediato ShelterBox ad arrivare. Quando ha scattato quest'immagine, insieme alla collega Rachel Simpkins (nella foto) stava facendo ricognizione notturna nell'area di Los Amazonas.

“A un certo punto, 10-15 bambini ci hanno circondato”, ha dichiarato Shead. “Erano tutti bambini le cui famiglie vivevano nella foresta tropicale e che avevano dovuto andare a vivere in questo piccolo villaggio. Alcuni edifici municipali, scuole e chiese sono stati messi a disposizione di queste famiglie senzatetto.”

I Rotariani di Iquitos hanno collaborato con i volontari di ShelterBox, insieme a un interprete, e finanziando il trasporto delle scatole di ShelterBox sul fiume, assistendo anche con la logistica. Entro la fine di maggio 2012, ShelterBox aveva provveduto a distribuire 171 container agli abitanti dell'area.

Maggiori informazioni su ShelterBox

Da un articolo del numero di dicembre 2013 della rivista The Rotarian.

23-Dec-2013
RSS