La missione di ricostruire vite umane

A young patient waits for surgery.
Referenze foto Charanjit Singh
In the operating room, Past RI President Rajendra K. Saboo comforts three-year-old Ibrahim Hafso as she goes into surgery.
Referenze foto Charanjit Singh
Children and their parents patiently wait to see the doctors.
Referenze foto Charanjit Singh
Three past RI presidents joined the effort: Rajendra K. Saboo (front left), Jonathan B. Majiyagbe of Nigeria (front right), and Kalyan Banerjee (not pictured).
Referenze foto Charanjit Singh
C.O. Onyebuchi Chukwu, the Nigerian minister of health and a trained orthopedic surgeon, helps out in the operating room.
Referenze foto Charanjit Singh
A child rests in the recovery room.
Referenze foto Charanjit Singh

Se chiedete alla maggior parte dei ragazzi di 14 anni quali sono i loro sport preferiti, di sicuro risponderanno velocemente citando una particolare squadra o giocatore, ricorderanno una partita memorabile, o descrivere il ruolo che vorrebbero assumere in seno alla loro squadra del cuore da grandi.

Samalla Halidu, un giovane sopravvissuto alla polio, ha dato una risposta diversa al Past Presidente del RI Rajendra K. Saboo quando i due si sono incontrati in un ospedale alla periferia di Abuja, in Nigeria: "Sarò in grado di stare in piedi"?.

Nel mese di dicembre, Saboo aveva guidato una missione medica di 10 giorni dall'India alla Nigeria per aiutare centinaia di bambini come Samalla. Grazie al finanziamento di una sovvenzione di 50.000 USD della Fondazione Rotary, l'equipe di 19 medici e sei volontari non medici hanno effettuato quasi 800 interventi chirurgici per correggere deformità muscolari e delle ossa causate dal poliovirus. In seguito alla convalescenza, Halidu sarà in grado di stare in piedi e camminare con l'aiuto di protesi, e forse calciare anche un pallone.

Nigeria, insieme con il Pakistan e l'Afghanistan, è uno dei tre Paesi polioendemici rimasti. I tassi di vaccinazione sono diminuiti nella nazione dell'Africa occidentale, dovuti in parte alla resistenza della comunità. La disinformazione e le voci di cospirazione provocano paura ai genitori che rifiutano la somministrazione delle gocce di vaccino che potrebbero salvare la vita dei loro figli. Nel 2012 in Nigeria sono stati registrati 121 casi di polio, più del doppio rispetto al Pakistan e un numero tre volte maggiore rispetto a quello dell'Afghanistan.

Saboo ha incontrato una simile resistenza tra le comunità minoritarie dell'India, che ha registrato il suo secondo anno consecutivo senza nuovi casi di polio nel mese di gennaio. Ma laddove altri vedevano una difficoltà, lui vedeva un'opportunità. "Se l'India può farlo, anche la Nigeria è in grado di farlo", ha dichiarato. "Esistono problemi simili, condizioni simili. Sono afflitti da povertà e analfabetismo". Queste caratteristiche comuni hanno aiutato la squadra indiana a conoscere la mentalità dei nigeriani e a lavorare con loro per superare gli ostacoli, ha continuato a spiegare.

Aggirandosi tra le sale d'attesa dell'ospedale, Saboo ha parlato con i genitori dei pazienti. "Abbiamo detto loro che bastano solo poche gocce di vaccino per prevenire questa malattia. Sono stati toccati, e ci hanno rassicurato che sarebbero tornati nelle loro comunità con il messaggio che questo non accadrà ad altri bambini".

Questa storia è stata pubblicata originariamente nell'edizione di aprile 2013 di The Rotarian

6-Aug-2013
RSS