Consiglio approva aumento quote di partecipazione, numero illimitato di e-club

Delegates consider changes to the rules that govern Rotary during the 2013 Council on Legislation
Referenze foto Monika Lozinska/Rotary International

I delegati da 532 distretti del Rotary si sono riuniti a Chicago dal 21 al 26 aprile scorso, e hanno approvato diverse misure ideate per rafforzare il Rotary, incrementare l'effettivo e migliorare le capacità dell'oraganizzazione di servire il prossimo.

Il Consiglio di Legislazione si riunisce ogni tre anni per prendere in considerazione modifiche da apportare al regolmento che governa il Rotary International e i suoi club. Quest'anno il Consiglio ha approvato l'aumento di un (1) dollaro USA l'anno pro capite per le quote di partecipazione, ha eliminato i limiti al numero di e-club, ha permesso club satellite e ha cambiato il nome della quinta Via d'Azione in “Azione giovanile”.

L'aumento delle quote significa che i Rotary club dovranno pagare al Rotary International quote di partecipazione annuali pro capite di 54 USD per l'anno 2014/2015, 55 USD per l'anno 2015/2016 e 56 USD per l'anno 2016/2017. Le quote per l'anno 2013/2014 erano già state stabilite a 53 USD.

Il Consiglio centrale del RI ha proposto l'aumento in base a una previsione finanziaria quinquennale che prevedeva che le spese del Rotary avrebbero superato le entrate di 9 milioni di dollari USA nel 2018, se non vi fossero stati aumenti delle quote. Il risultato sarebbe stato un calo del Fondo generale di surplus sotto il livello richiesto dallo Statuto del RI.

Con questo aumento, le spese previste dovrebbero superare le entrate di circa 5 milioni di dollari nel 2018, sempre secondo le previsioni, il che permette di mantenere il Fondo di surplus oltre il livello obbligatorio. I sostenitori di questo aumento hanno dichiarato che l'aumento sarebbe stato sufficiente a mantenere il passo con l'inflazione senza dover apportare tagli ai servizi. Le quote di partecipazione sono la fonte primaria del finanziamento delle operazioni del Rotary.

Durante la settimana, il Consiglio del 2013 ha preso in considerazione oltre 170 emendamenti e risoluzioni, proposte da club e distretti Rotary, e dal Consiglio centrale del RI.

“È stato un vero piacere per me ricoprire l'incarico di presidente e collaborare con tutti voi questa settimana”, ha dichiarato il Presidente del Consiglio di Legislazione John Germ. “Siete arrivati con tanta energia e impegno e avete rappresentato egregiamente i vostri distretti”.

Il delegato al Consiglio William Pollard, della Virginia, ha fatto notare che i delegati erano uniti nel loro desiderio di rafforzare e migliorare il Rotary.

“I Rotariani hanno dei punti di vista diversi su varie questioni e argomenti, e questo fa bene al Rotary. Ho capito ben presto che alcune delle questioni che potevano non essere importanti per il mio distretto erano però molto importanti per un distretto in un altro Paese”, ha affermato William.

Durante la settimana, i delegati hanno:

  • concesso ai distretti di avere più due e-club. Il Consiglio del 2010 aveva approvato permanentemente gli e-club, che si riuniscono elettronicamente, nell'ambito del Rotary. I proponenti hanno argomentato che l'eliminazione del limite avrebbe portato nuovi soci e sarebbe stato un punto attraente per i giovani professionisti, che hanno meno tempo per le riunioni settimanali in persona.
  • approvato i club satellite, i cui soci si riuniscono in sedi e con orari differenti dal loro club patrocinante, ma che sono comunque considerati soci del club patrocinante. La decisione intende facilitare ai soci lo sviluppo di un nuovo club.
  • incrementato il numero di club che possono partecipare a progetti pilota, da 200 a 1.000. Il Consiglio centrale del RI utilizza i programmi pilota, che durano fino a sei anni, per sperimentare nuove idee, metodi e tipi di organizzazione per club. I club pilota che partecipano a questi esperimenti sono Rotary club completamente funzionanti, ma sono esenti da alcuni requisiti del Regolamento tipo del Rotary club.
  • approvato il cambiamento del nome della quinta Via d'Azione, da "Azione Nuove generazioni" ad "Azione giovanile”. Il Consiglio del 2010 aveva approvato questa Via 'Azione, che si aggiungeva all'Azione interna, Azione professionale, Azione d'interesse pubblico e Azione internazionale. Il nome "Nuove generazioni" era inteso per riflettere l'esigenza di creare nuove generazioni di Rotariani, ma i proponenti del cambio del nome hanno argomentato che la parola "giovani" è più universale, e chiarisce il fatto che questi programmi incoraggiano i Rotariani a dare il supporto ai giovani.
  • approvato la proposta che la partecipazione in progetti dl club valga come requisito di assiduità. La decisione emenda il Regolamento tipo dei Rotary clubl, per richiedere ai soci di di partecipare o recuperare almeno il 50 percento delle regolari riunioni di club o di impegnarsi a progetti di club per almeno 12 ore ogni sei mesi dell'anno, o una combinazinoe delle due attività.
  • approvato di consentire ai Rotariani fuori dagli Stati Uniti e Canada di ricevere una edizione elettronica della Rivista Regionale del Roary, se disponibile. I Rotariani degli Stati Uniti e Canada hanno ricevuto l'opzione di ricevere una versione digitale di The Rotarian dal Consiglio del 2010.
  • approvato la creazione di un incarico di Vice governatore, che potrebbe agire da sostituto del governatore, in caso ve ne sia bisogno. Il Vice governatore sarà selezionato dalla commissione di nomina distrettuale, tra i governatori emeriti del distretto.
  • rimosso il regolamento dei rimborsi dei viaggi dallo Statuto del RI. Questo consentirà al Consiglio centrale del RI di sviluppare una politica flessibile, in grado di rispondere alle situazioni di viaggio d'emergenza, e di poter approfittare delle opportunità di risparmio per le spese di viaggio.
  • rigettato due decisioni che riguardano il Rotaract, i club di servizio patrocinati dal Rotary per giovani dai 18 ai 30 anni. Il Consiglio ha respinto la proposta di aumentare il limite d'età a 35 anni, argomentando che i soci più vecchi non avrebbero avuto molto in comune con quelli di 18 anni. Inoltre, hanno argomentato che i Rotariani dovrebbero avvicinarsi ai club Rotaract, includendo i Rotaractiani la cui età si avvicina al limite per affiliarsi ai loro Rotary club. I delegati hanno bocciato la proposta di ridurre le quote di partecipazione per Rotaractiani che si vogliono affiliare al Roatry, in parte perché i dati sull'effettivo del Rotaract non sono stati raccolti dal RI.

Douglas Vincent, un delegato dell'Ontario, Canada, ha dicharato di essere rimasto deluso del fatto che non siano stati adottati ulteriori cambiamenti, ma pensa comunque che il Consiglio abbia una funzione molto valida.

"Sono i Rotariani a guidare l'organizzazione. È importante che i delegati dei club siano anche alla guida delle regole e dei regolamenti che governano il Rotary International".

Maggiori info sul Consiglio di Legislazione.

 

Rotary News

30-Apr-2013
RSS