Vincitori del premio per Alumni attirano l'attenzione

Maya Ajmera visita un rifugio per ragazze abbandonate a Chennai, India. Il Global Fund for Children, da lei fondato, appronta il capitale iniziale per le organizzazioni che provvedono all'istruzione dei bambini e alla protezione dei loro diritti.
Referenze foto per gentile concessione di Maya Ajmera

Maya Ajmera ha fondato il Global Fund for Children nel 1993 per approntare il capitale iniziale per le organizzazioni della comunità che aiutano i bambini a rischio in tutto il mondo. Da allora, la GFC ha distribuito oltre 32 milioni dollari in sovvenzioni per oltre 600 organizzazioni in 80 Paesi, migliorando la vita di milioni di bambini – con attività che vanno dall'istruzione degli orfani dell'AIDS in Uganda alle cosiddette classi sui marciapiedi per i raccoglitori di rifiuti in Cambogia.

"L'istruzione è la chiave per tirare fuori dalla povertà gli esseri umani", secondo Ajmera, i cui studi al St. Xavier College di Mumbai sono stati sponsorizzati dal Rotary Club di China Lake della California. "Le organizzazioni comunitarie sono probabilmente quelle più creative nel riuscire a trovare i bambini più emarginati fornendo loro una preziosa istruzione che dà un senso alla loro vita".

A riconoscimento del suo lavoro, Ajmera è stata scelta dagli amministratori della Fondazione Rotary come vincitrice del premio Global Alumni Service to Humanity 2013/2014 della Fondazione. Il premio le verrà consegnato in occasione del Congresso del Rotary International a Sydney, il 3 giugno.

Ajmera attribuisce il successo del GFC alla straordinaria leadership a livello di base e alla capacità e volontà di lavorare in partnership. "La fiducia è molto importante", ha spiegato. " È inoltre necessario rilevare i risultati conseguiti: quanti ragazzi hanno studiato, quanti sono stati tenuti lontani dalle strade e quanti hanno ottenuto consulenza psicosociale".

In nessun altro posto erano maggiormente necessarie la leadership e la fiducia che in Afghanistan negli anni '90. Il GFC ha assegnato 5.000 dollari all'Afghan Institute for Learning per finanziare l'istruzione segreta di 600 ragazze. Anche dopo gli attacchi dell'11 settembre, il GFC ha continuato a fornire il sostegno finanziario, tra cui una sovvenzione di 25.000 dollari per la sostenibilità mirante a istituire un fondo di riserva. Oggi, l'istituto scolastico raggiunge oltre 400.000 donne e bambini ogni anno, fornendo loro istruzione e servizi sanitari. Il GFC ha inoltre pubblicato più di 30 libri per bambini, tra cui "Children from Australia to Zimbabwe", di cui Ajmera è co-autrice e di cui parte delle vendite saranno devolute al fondo delle sovvenzioni dell'organizzazione. Inoltre, l'organizzazione ha investito in alcuni documentari, come "War Child", che racconta la storia del cantante di musica hip hop, Emmanuel Jal, un ex bambino-soldato durante la brutale guerra civile del Sudan. Jal è stato uno dei relatori del Simposio della pace mondiale del Rotary svoltosi a Bangkok nel 2012.

Ajmera si è dimessa dalla carica di presidente del GFC nel 2011. Al momento studia e fa parte del corpo docente presso la Paul H. Nitze School of Advanced International Studies presso la Johns Hopkins University a Washington, D.C. inoltre, è imprenditrice sociale e docente presso la Duke University a Durham, North Carolina.

"Per me, il Rotary è stato una fonte d'ispirazione formidabile", ha raccontato Ajmera, aggiungendo che senza la borsa di studio di cui ha usufruito non esisterebbe il Global Fund for Children. "La borsa di studio è servita a nutrire la mia anima".

Associazione alumni aiuta a porre fine alla polio

L'Associazione Alumni del Distretto 3020 in India può essere orgogliosa di sapere che ha contribuito a fare storia. Il 27 marzo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha provveduto a certificare che il sud-est asiatico, che include l'India, ha debellato la poliomielite.

"I membri [dell'associazione] hanno partecipato attivamente alle Giornate d'immunizzazione nazionale e hanno contribuito generosamente alla Fondazione Rotary e all'eradicazione della polio", ha dichiarato S.R. Yogananda, uno dei coordinatori regionali della Fondazione Rotary.

In riconoscimento dell'opera umanitaria svolta, l'associazione è stata selezionata per ricevere il premio Associazione Alumni dell'Anno 2013/2014 della Fondazione Rotary. Il premio sarà consegnato a K. Soma Sundera Sai, fondatore e presidente dell'associazione, e agli altri membri dell'associazione in occasione della Celebrazione degli Alumni del Rotary a Sydney il 31 maggio p.v.

Molti dei membri sono Rotariani impegnati in progetti finanziati con una sovvenzione, che vanno dall'istituzione di un orfanotrofio in India alla creazione di un programma di assistenza sanitaria sostenibile per gli studenti della Thailandia.

Sai ha spiegato che per i membri dell'associazione si tratta di restare in contatto tra loro, con la loro comunità e con il Rotary. Ha poi continuato a dire:"Dopo aver realizzato qual era il valore e il potenziale degli alumni per il Rotary e la sua Fondazione, [l'associazione] è diventata parte della mia vita".

Registrati alla Celebrazione degli Alumni del Rotary

Abbonati alla Reconnect newsletter

Presenta la candidatura per il premio per gli alumni 2014/2015

Rotary News

18-Apr-2014
RSS